Uno utilizzato per produrre lievitati, l’altro per dare vita alla famosa pasta. Stiamo parlando del grano tenero e del grano duro, due varietà di frumento molto diffuse in Italia.

Sono entrambi due tipi di frumento, ma grano tenero e grano duro appartengono a due specie diverse: Triticum vulgare o aestivum il primo, Triticum turgidum durum il secondo. Anche gli impieghi e la resa sono differenti, nonostante spesso vengano genericamente identificati con il termine farina di frumento. Scopriamoli insieme.

Il menu per per deliziare la tua famiglia durante le feste

Grano tenero
Fonte foto: https://pixabay.com/it/grano-campo-di-grano-cereali-592488/

Grano tenero: cos’è e proprietà

Il grano tenero è una varietà di frumento coltivata sopratutto nelle zone umide e pianeggianti del nord Italia. Ha un chicco piccolo e tondeggiante, molto delicato e che si spezza facilmente.

Dalla sua macinatura si ottiene la farina di grano tenero che, a seconda del grado di raffinazione, si divide in 00, 0, 1, 2 e integrale. Questo farinaceo ha un elevato indice glicemico, assorbe poca acqua e contiene meno proteine rispetto al grano duro. Viene utilizzato per la preparazione di pane, pizza e focacce, ma anche dolci e grandi lievitati.

Grano duro
Fonte foto: https://pixabay.com/it/grano-campo-primavera-estate-3241114/

Grano duro: cos’è e proprietà

Il grano duro, come dice il nome, ha chicchi molto duri e dalla forma allungata. Ne consegue una farina, chiamata semola, meno fine rispetto a quella che si ottiene dal grano tenero, dal colore giallognolo. Questa pianta preferisce climi caldi e soleggiati, quindi vede la sua massima diffusione nel sud Italia e nelle isole. Anche in questo caso, in base al grado di raffinazione, si ottengono diversi tipi di farina: semola, semolato, semolato integrale e farina di grano duro (dal meno fine al più fine).

Contiene più proteine del grano duro, assorbe più acqua e ha un notevole potere saziante. Viene impiegato principalmente per la preparazione della pasta secca, ma anche per pane e lievitati in percentuali diverse. L’esempio più famoso di pane ottenuto con farina di grano duro è il pane di Altamura. La varietà più famosa di semola di grano duro è la Senatore Cappelli.

Il grano duro è ricco di carotenoidi, fibre e proteine. Ha un indice glicemico inferiore rispetto al grano tenero ed è totalmente privo di colesterolo.

Fonte Foto: https://pixabay.com/it/grano-campo-di-grano-cereali-592488/ ; https://pixabay.com/it/grano-campo-primavera-estate-3241114/

Riproduzione riservata © 2021 - PC

consigli alimentari

ultimo aggiornamento: 27-02-2019


Moda e cibo: i brand che utilizzano il food nelle proprie creazioni!

Starbucks sbarca a Bali con un santuario del caffè!