Sembra una domanda retorica, eppure tra risotto allo zafferano e alla milanese ci sono alcune differenze. Scopriamo insieme quali!

Con tutta probabilità gli unici a rispondere in modo esatto a questa domanda sono i milanesi e i gastro-fanatici. Già, perché risotto alla milanese e risotto allo zafferano, come avrete potuto intuire, non sono la stessa cosa. Guai a confonderli: i meneghini potrebbero non apprezzare, un po’ come chiamare arancini… le arancine!

La differenza sostanziale sta negli ingredienti. In entrambi i casi a farla da padrone è lo zafferano, ma nel risotto alla milanese viene aggiunto il midollo e omesso il vino. Scopriamone di più!

Quali sono le differenze?

Il risotto allo zafferano può essere considerato la versione base: si prepara un soffritto di olio e cipolla, si tosta il riso e si sfuma con il vino, quindi si porta a cottura aggiungendo brodo e zafferano. Al termine si manteca con del formaggio e del burro.

La ricetta del risotto alla milanese invece prevede la cottura a parte dell’osso buco e l’aggiunta del midollo al risotto. Non vuole assolutamente che venga sfumato con il vino per evitare che questo copra il sapore dello zafferano. Per tutti i trucchi e i consigli, leggete la ricetta originale del risotto alla milanese, presidio De.Co.

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

Risotto alla milanese
Risotto alla milanese

Storia e leggenda del risotto allo zafferano

Lo zafferano fa il suo ingresso in Italia dalla Sicilia. A importarlo furono i Mori proveniente dalla penisola arabica, infatti il nome deriva proprio dalla parola araba zaafran che indica appunto il colore giallo. Questa spezia, pregiata come l’oro, veniva inizialmente utilizzata per tingere i tessuti e per ottenere il colore giallo degli affreschi.

Anche il riso arrivò in Italia passando dalla Sicilia. L’origine come ben sappiamo è cinese ma trovò terreno fertile in Sicilia prima e nella pianura Padana poi. Secondo la leggenda un primo esempio di risotto allo zafferano, da cui pare derivino le stesse arancine, è giunto nel Nord Italia con i mercanti ebrei. Di fatto però non si sa nulla e i meneghini rivendicano tutt’altra origine.

La nascita del risotto alla Milanese

Quanto raccontato prima non fa una piega, soprattutto dal punto di vista storico. I milanesi però affermano che l’origine di questo piatto sia totalmente diversa. Siamo a metà del ‘700 a Milano: Mastro Valerio di Fiandra lavorava alle decorazioni delle vetrate del Duomo insieme al suo assistente soprannominato Zafferano poiché era solito rendere tutti i colori più accesi aggiungendo questa spezia.

Quando si sposò la figlia del Mastro, l’assistente convinse il cuoco a inserire lo zafferano nel risotto, mettendo in atto quanto ironicamente il Mastro era solito rimproverargli: “Prima o poi metterai lo zafferano anche nel cibo”.

Ecco l’origine, forse un po’ romanzata, di questo piatto che ha conquistato la città di Milano e che spesso viene affettuosamente chiamato risotto giallo.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

consigli alimentari

ultimo aggiornamento: 27-06-2019


Qual è la differenza tra malto e miele?

Perché scegliere vini d’annata, l’estrema qualità nella bontà