Ingredienti:
• 500 g di burro
• 400 g di fontina della Val d'Aosta
• 200 g di fontina più magra tipo Fontal
• 100 g di tartufo bianco d'Alba
• latte q.b.
• 6 tuorli d'uovo
• pepe e sale q.b.
difficoltà: facile
persone: 6
preparazione: 10 min
cottura: 10 min

La fonduta al tartufo è un piatto tipico della cucina piemontese e valdostana, molto raffinato e saporito.

La fonduta al tartufo è un piatto stupendo anche se purtroppo non alla portata di tutte le tasche. Servitela accompagnata da crostini leggeri e croccanti e sarà perfetta. Se volete il profumo del tartufo senza svenarvi, potete utilizzare l’olio tartufato, dando un giro a crudo sopra ogni ciotola. Non è la stessa cosa, ma è un buon compromesso.

Volendo potete eliminare completamente il tartufo e accompagnare invece la fonduta con delle verdure crude. Sedano, carote, ravanelli, finocchi, tutte le verdure che scrocchiano e che si mangiano crude vanno bene e faranno un contrasto stupendo con il caldo del formaggio fuso.

9 ricette autunnali per la tua tavola

Fonduta al tartufo
Fonduta al tartufo

Preparazione della fonduta al tartufo bianco

  1. Per preparare il piatto servirà un recipiente per il bagnomaria. Tagliate i formaggi a dadini, mischiateli in una ciotola alta e riempitela a filo con il latte. Lasciate riposare per 3 ore fuori dal frigo.
  2. In un’altra ciotola sbattete i tuorli, poi, in un recipiente adatto al bagnomaria, fondete il burro, aggiungete i tuorli e infine la fontina con il latte.
  3. Continuate a mescolare, ma state attenti a non fare mai bollire il composto o le uova si raggrumeranno.
  4. Quando il composto sarà liscio e amalgamato, aggiustatelo di sale e date una spolverata di pepe bianco.
  5. Servite la fonduta caldissima, cospargendola con il tartufo finemente affettato direttamente nelle ciotole.

I tartufi bianchi sono molto preziosi e bisogna esaltarne al meglio il sapore quando si ha la fortuna di disporne.

Se vi è piaciuta la ricetta della fonduta al tartufo bianco, scoprite il video della preparazione, oppure andate alla scoperta delle nostre altre 5 ricette col tartufo.

Conservazione

La fonduta al tartufo è bene consumarla al momento, prima che si raffreddi. Sconsigliamo la congelazione in freezer.

0/5 (0 Reviews)

Riproduzione riservata © 2021 - PC

ultimo aggiornamento: 20-11-2021


Che Natale sarebbe senza gli struffoli senza glutine?

Baci di dama salati ai pistacchi con tartufo e mortadella