Ingredienti:
• 500 g di burro
• 400 g di fontina della Val d'Aosta
• 200 g di fontina più magra tipo Fontal
• 100 g di tartufo bianco d'Alba
• latte q.b.
• 6 tuorli d'uovo
• pepe e sale q.b.
difficoltà: facile
persone: 6
preparazione: 10 min
cottura: 10 min

La fonduta al tartufo è un piatto tipico della cucina piemontese e valdostana, molto raffinato e saporito.

La fonduta al tartufo è un piatto stupendo anche se purtroppo non alla portata di tutte le tasche. Servitela accompagnata da crostini leggeri e croccanti e sarà perfetta. Se volete il profumo del tartufo senza svenarvi, potete utilizzare l’olio tartufato, dando un giro a crudo sopra ogni ciotola. Non è la stessa cosa, ma è un buon compromesso.

Volendo potete eliminare completamente il tartufo e accompagnare invece la fonduta con delle verdure crude. Sedano, carote, ravanelli, finocchi, tutte le verdure che scrocchiano e che si mangiano crude vanno bene e faranno un contrasto stupendo con il caldo del formaggio fuso.

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

Fonduta al tartufo
Fonduta al tartufo

Preparazione della fonduta al tartufo bianco

  1. Per preparare il piatto servirà un recipiente per il bagnomaria. Tagliate i formaggi a dadini, mischiateli in una ciotola alta e riempitela a filo con il latte. Lasciate riposare per 3 ore fuori dal frigo.
  2. In un’altra ciotola sbattete i tuorli, poi, in un recipiente adatto al bagnomaria, fondete il burro, aggiungete i tuorli e infine la fontina con il latte.
  3. Continuate a mescolare, ma state attenti a non fare mai bollire il composto o le uova si raggrumeranno.
  4. Quando il composto sarà liscio e amalgamato, aggiustatelo di sale e date una spolverata di pepe bianco.
  5. Servite la fonduta caldissima, cospargendola con il tartufo finemente affettato direttamente nelle ciotole.

I tartufi bianchi sono molto preziosi e bisogna esaltarne al meglio il sapore quando si ha la fortuna di disporne.

Se vi è piaciuta la ricetta della fonduta al tartufo bianco, scoprite il video della preparazione, oppure andate alla scoperta delle nostre altre 5 ricette col tartufo.

Conservazione

La fonduta al tartufo è bene consumarla al momento, prima che si raffreddi. Sconsigliamo la congelazione in freezer.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 20-11-2021


Che Natale sarebbe senza gli struffoli senza glutine?

Baci di dama salati ai pistacchi con tartufo e mortadella