La ristorazione e il mondo dell’agroalimentare offrono molte opportunità e i nuovi lavori sono davvero interessanti e gratificanti

La crisi c’è, inutile negarlo, ma in tempo di necessità, la creatività e la fantasia permettono di riscattarsi e andare avanti inventandosi nuovi entusiasmanti lavori: è quello che è avvenuto nel mondo del food.

Leggi anche: Siamo nel pieno della “generazione dei buongustai”: i millenials

La ristorazione e l’agroalimentare sono diventati settori di grande interesse anche per i più giovani che ambiscono a lavori in questi campi e scelgono una formazione mirata a riguardo. Basti pensare che nel 2014 c’è stato il 39% in più di iscrizioni negli Istituti agrari rispetto al 2007.

Così anche i lavori sono cambiati e ne sono nati di nuovi, come ad esempio, quello del Food Blogger, sempre più numerosi sul web. E’ necessario un pc, una connessione internet, passione per la scrittura e per il cibo. Non guastano conoscenze di base di cucina. Il food blogger è uno dei lavori più ambiti del momento: si tratta di recensire piatti e/o ristoranti, fotografare cibo, condividere esperienze culinarie e informare di novità in merito, tutto sul proprio sito web. E’ un lavoro autonomo e imprenditoriale, molto più complicato di quello che può sembrare, ma ricco di soddisfazioni.

Tra i nuovi lavori, quello che più ci ha incuriosito è l’Assaggiatore Professionale: non è un sogno, esiste davvero. Questa figura può lavorare nelle aziende o come libero professionista e deve assaggiare piatti e prodotti valutandone molte caratteristiche, dal gusto alle proprietà organolettiche.

Una professione molto richiesta, è quella di Personal Trainer dell’orto, ovvero un professionista che offre a domicilio la propria consulenza per intraprendere e curare la coltivazione di un orto.

Chi ama i viaggi e il buon cibo, tra tutti i nuovi lavori, adorerà sicuramente quello dello Specialista in Turismo Enogastronomico, che si occupa di creare itinerari comprendenti visite turistiche e degustazioni della cucina locale nei locali più tipici e caratteristici.

Interessante è il mestiere dell’apicoltore urbano, che nasce per contrastare la moria di api che sono fondamentali per tenere sotto controllo l’inquinamento, favorendo l’impollinazione. Inoltre si fa un buonissimo miele!

Tra i lavori più avanzati, c’è sicuramente il Food Innovator, che altro non è se non un inventore in campo alimentare che trova nuovi prodotti e nuove forme di consumo per i prodotti già esistenti.

 

 

 

 

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 09-07-2015


“Sogni estivi” prosegue con il secondo abbinamento vino e ricetta d’autore

Curare l’orto fa bene al corpo, alla mente e… all’amore