Spesso ci si domanda se infornare a forno freddo o preriscaldato. Quest’ultima è sicuramente la metodologia migliore, ma vediamo tutto nel dettaglio.

Infornare a forno freddo o preriscaldato è un dubbio che attanaglia molti, soprattutto coloro che muovono i primi passi in cucina. Spesso infatti nelle ricette si legge di preriscaldare il forno, ma cosa significa e in cosa consiste questa operazione? Vediamo di fare chiarezza una volta per tutte.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Forno
Forno

Differenza tra forno freddo e preriscaldato

Il forno è un valido alleato in cucina ma per poterne sfruttare tutte le sue potenzialità occorre conoscerlo bene. È importante infatti non solo sapere quanto tempo impiega a riscaldarsi, ma anche quanto affidabile è la temperatura riportata dall’indicatore.

Prima di addentrarci nel discorso, chiariamo cosa significa forno freddo e forno preriscaldato. Quando si parla di cottura in forno freddo significa che i cibi vengono messi all’interno dello stesso quando è ancora spento per poi portarlo a temperatura con le pietanze già all’interno. Preriscaldare il forno invece significa portarlo alla temperatura indicata dalla ricetta prima di infornare. Per capire se il forno è preriscaldato sono solitamente presenti degli indicatori sul forno stesso che segnalano il raggiungimento della temperatura impostata.

Forno freddo o preriscaldato?

Cuocere torte e lievitati in forno freddo è una mossa poco astuta e se vi siete sempre chiesti perché è importante cuocere in forno preriscaldato eccovi svelato il motivo. Mettere all’interno del forno già caldo gli impasti crea uno shock termico con conseguente formazione di una crosticina esterna. Sarà questa a mantenere l’aria all’interno e a favorire la lievitazione. Per lo stesso motivo anche infornare il pane a forno freddo è una pessima idea che potrebbe compromettere la riuscita della ricetta.

In tutti questi casi quindi, se il forno non è preriscaldato la ricetta potrebbe non riuscire. Affidatevi sempre alla vostra esperienza o alle indicazioni della ricetta per evitare errori.

Ci sono però alcuni alimenti che possono essere infornati a forno freddo. Stiamo parlando di timballi e lasagne, ma anche arrosti già sigillati in padella e pesce. Tenete presente però che questo non rappresenta né un risparmio di tempo né di denaro: il tempo di cottura va calcolato sempre a partire dal momento il cui il forno arriva a temperatura.

Ora che questi due aspetti sono chiari, non vi resta che approfondire anche la differenza tra forno statico e ventilato. La conoscete?

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 19-02-2022


I migliori suggerimenti su come usare lo sciroppo d’acero in cucina

Oli di verdura come gli chef: ecco il tocco di classe per i vostri piatti