Il documentario su ARTE.TV tratta una tematica scottante: l’invasione del cibo spazzatura, che non è più solo quello dei fast food.

Già il titolo di questo nuovo documentario – L’invasione del cibo spazzatura – è abbastanza esplicativo e lascia capire, senza troppi sottintesi, la polemica che lo permea. Il cibo spazzatura infatti non è solo quello dei fast food, spesso preparato con un numero interminabile di ingredienti, ma è anche quello che portiamo in tavola tutti i giorni. Solo un consumatore attento può salvaguardare la propria salute e quella dei cari prestando attenzione alle etichette. Ma di cosa parla il documentario?

Cosa c’è in quello che mangiamo? Un documentario su ARTE.TV ce lo mostra

Leggere le etichette sta diventando sempre più complesso. Un po’ perché anche l’industria alimentare si sta sempre più modificando, introducendo nuovi ingredienti, non sempre naturali, e nuovi processi produttivi.

Se ci pensate, è piuttosto strano pensare che quello che mangiamo esce da una fabbrica. Non c’è nessuna mano amorevole che prepara i nostri cibi, che si tratti della merenda, del biscotto da colazione, della bistecca impanata o, come mostra il documentario, del cordon bleu.

Da questa ricetta che piace a tutti sono partiti Maud Gangler e Martin Blanchard per svelare i segreti dei piatti ultra confezionati. Grazie a un laboratorio alimentare, il documentario francese prepara un piatto simbolo della cucina apprezzato non solo in Francia, ma anche nel resto del mondo.

Partendo dall’etichetta del cordon bleu, contenente ben 31 ingredienti, cercano di decostruirne la preparazione. L’idea è capire perché una ricetta che può essere preparata con solo 5 ingredienti (carne, prosciutto, formaggio, pangrattato e uova) sia stata così processata.

Al centro del mirino ci sono anche i prodotti per vegani. Spesso infatti, con l’intento di riproporre gusti “tradizionali”, diventano dei veri e propri cocktail di additivi. Si parla poi dell’E171, ossia il biossido di titanio, utilizzato nei prodotti industriali con funzione sbiancante e al centro di una vasta polemica su territorio francese.

Vengono esplorati anche tutti i processi che portano il prodotto finito sulle nostre tavole. Dal packaging alle manovre di marketing ai limiti della legge, non c’è aspetto che non venga trattato nei 90 minuti di questo illuminate documentario (in francese ma sottotitolato in italiano). L’invasione del cibo spazzatura potrebbe essere, a detta degli autori, il primo passo per diventare consumatori più consapevoli.


La carne cruda fa male?

Friggere senza odori si può! Ecco come liberarsi della puzza di fritto