È naturale chiedersi se mangiare carne cruda faccia o meno male. Vediamo di fare chiarezza e capire come comportarsi per salvaguardare la salute.

Quante volte abbiamo assistito a dibattiti accesi sul fatto di mangiare la carne cruda e di quali possono essere i rischi collegati? Davvero moltissime e ogni volta si crea sempre più confusione perché, come si suol dire, c’è sempre chi vuole tirare acqua al suo mulino. Vediamo quindi di fare un po’ di chiarezza e dissipare una volta per tutte i dubbi. La carne cruda fa male?

In linea di massima, poi entreremo nel dettaglio, possiamo dire che mangiare la carne cruda non fa male, anzi permette di assimilare alcune sostanze nutritive che la cottura distrugge.

Mangiare carne cruda: pro

Carne cruda
Carne cruda

C’è da dire però che non tutti i tipi di carne possono essere mangiati crudi. Pollo e maiale, come ben saprete, devono essere cotti davvero bene prima di essere consumati perché potrebbero essere portatori di parassiti, batteri e virus.

Tra le carni che possono essere consumate crude ci sono quella di manzo, di cavallo e di anatra. Le carni poi, per non essere troppo tenaci e quindi difficili da masticare, dovrebbero appartenere o ad animali giovani oppure ad animali sedentari. In alternativa, è possibile utilizzare le carni vicine all’apparato scheletrico.

Per mangiare carne cruda in sicurezza occorre garantire un elevato igiene degli utensili con cui entra a contatto (tagliere specifico per carne cruda e coltello igienizzato) nonché mani ben pulite.

Abbiamo fatto cenno, all’inizio, ai nutrienti assimilabili attraverso il consumo di carne cruda. Questi sono soprattutto sali minerali, come ferro, potassio, sodio, magnesio e calcio e vitamine B1, B2, B5 e A che essendo termolabili, ossia non residenti al calore, tendono a sparire dopo la cottura.

I contro e rischi della carne cruda

Quali possono essere i rischi dovuti al consumo di carne cruda? I rischi derivanti dal consumo di carne cruda sono collegati alla possibile presenza di virus e batteri. Nello specifico infatti sarebbe opportuno distinguere tra contaminazione batterica (dovuta a cattiva macellazione o contaminazione crociata), contaminazione virale e attraverso parassiti (presenti direttamente nel tessuto muscolare come il toxoplasma, la tenia, la trichinella, ecc.. ma anche sopraggiunti nella carne macellata come per l’ameba e la giardia).

Escherichia coli, salmonella e campylobacter sono i batteri più spesso responsabili di tossinfezione dovuta al consumo di carne cruda. Tale infezione può manifestarsi con disturbi dell’apparato gastrointestinale come vomito, diarrea e crampi.

E la carne cruda conservata?

Quello che non tutti sanno è che mangiare carne cruda non significa semplicemente gustare una tartare di manzo o un carpaccio. Ci sono anche salumi e insaccati che non vengono sottoposti a cottura come il prosciutto crudo, salsicce, salami e via dicendo. Questi però appartengono alla categoria delle carni crude conservate e il discorso è leggermente diverso da quello fatto finora relativo alle carni crude fresche. Rimangono però valide le raccomandazione soprattutto quando a consumarle sono donne in gravidanza.

Concludendo quindi possiamo dire che mangiare carne cruda non fa male ma richiede attenzione: fatevi sempre consigliare dal macellaio di fiducia.


Il riso fa ingrassare? Scopriamolo insieme

L’invasione del cibo spazzatura: un documentario ci svela cosa c’è nel nostro piatto