Sapete cos’è e come si fa il carpione? Vediamo quali ingredienti usare e come preparare questa tradizionale ricetta italiana.

Oggi, vi presentiamo un particolare prodotto tipico italiano che, partendo dal Nord, riesce a conquistare qualsiasi territorio. Stiamo parlando del carpione, che nasce come pesce di acqua dolce e diventa un particolare tipo di marinatura, adatto ad insaporire e conservare diverse tipologie di ingredienti. Passiamo subito a capire cos’è e come si fa il carpione, seguendo la ricetta povera che è tradizionale del Piemonte.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Cos'è e come si fa il carpione
Cos’è e come si fa il carpione

Tutti i segreti su cos’è e come si fa il carpione

Con il termine carpione si identifica un pesce molto raro, presente solo nel lago di Garda. Un prodotto molto gustoso che, però, è contraddistinto da una polpa delicata. Per conservarlo più a lungo, gli abitanti del posto hanno messo a punto in tipo di marinatura in grado di mantenere intatta la polpa. La ricetta ha avuto così tanto successo, negli anni, da diventare una marinatura estiva molto amata.

Si tratta di una preparazione molto semplice e che richiede pochi e comuni ingredienti. Se vogliamo usarla con carne o pesce, si comincia preparando un soffritto con olio, cipolla, sedano, carota e qualsiasi aroma vogliate. Fate rosolare il prodotto destinato alla preparazione e, poi, sfumate con il vino bianco, allungando con acqua e aceto (versate questi tre liquidi in uguali dosi). Spostate il tutto in un recipiente, mettete in frigo e lasciate marinare per almeno un giorno. Dopodiché, il carpione piemontese è pronto!

Cosa usare per questa marinatura

Il pesce più adatto per questo tipo di marinatura è, appunto, il carpione. Sono ottimi anche altri esemplari di acqua dolce tagliati a bocconcini o filetti, come le tinche, le trote, l’anguilla di fiume e il salmone, ma questa preparazione rende gustoso anche il baccalà. Come questi, anche le sardine dopo essere state fritte sono pronte per la marinatura. Il pesce, in particolar modo la trota, può essere conservata per 4 giorni.

Se scegliete di utilizzare il pollo, sapete come fare il carpione? Per prima cosa, tagliatelo in fette sottili e passatelo nella farina. Cuocetelo in una pentola con olio di semi, prima di passare alla preparazione della marinatura. In questo modo, potrete conservarlo in frigo per 2-3 giorni, accompagnato da verdure fritte. Lo stesso metodo va utilizzato per le zucchine o qualsiasi altro prodotto genuino e fritto vogliate conservare.

Scoprite tutti i tipi di marinatura da fare in cucina!

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 10-04-2022


Niente più segreti, ecco come pulire i fasolari!

Ottimo come base per tante preparazioni, ecco cos’è il roux