Per una perfetta lievitazione della pizza (ma non solo) scegliere bene il lievito, la farina e la giusta temperatura è importante. Gli impasti non avranno più segreti grazie a qualche semplice trucco.

Da sempre, digeribilità e lievitazione vanno di pari passo ed è innegabile che nell’ultimo periodo sia esploso l’interesse intorno a questo ambito. La lievitazione della pizza richiede i giusti tempi, non bisogna però farsi prendere dal panico perché anche i più inesperti, grazie a qualche semplice consiglio, riusciranno ad ottenere un impasto ben lievitato e perfetto per una pizza croccante ma allo stesso tempo soffice.

Ecco allora qualche trucchetto per far lievitare la pizza senza nessuna complicazione!

Tutti i trucchi per una lievitazione perfetta

Feste in tavola! Piatti facili, sfiziosi e originali!

Lievitazione della pizza
FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/photos/farina-impasto-pane-pizza-2366531/

Quando si parla di lievitazione si fa senza dubbio riferimento a quella fase in cui avviene un significativo aumento del volume dell’impasto grazie alla fermentazione del lievito.

Una buona e corretta lievitazione è determina sia dal tipo di lievito utilizzato sia dalla farina. Non è da sottovalutare poi il luogo in cui si andrà a far riposare lo stampo e il recipiente utilizzato in questa fase. Vediamo di fare un po’ di chiarezza.

Quale lievito scegliere?

E’ innegabile che il lievito madre sia quello con proprietà e qualità maggiori, allo stesso tempo però è quello che richiede un tempo di lievitazione più lungo e la ripetizione di diversi passaggi. Per questo motivo il miglior alleato per questo tipo di preparazioni resta il lievito di birra fresco che è possibile reperire nel banco frigo di tutti i supermercati.

Le varie fasi della lievitazione (da rispettare)

Per far sì che l’impasto cresca regolarmente e non si attacchi è importante ungere il contenitore con un po’ di olio. Lo stesso contenitore va poi coperto con pellicola per alimenti o con un canovaccio pulito in modo da evitare che l’impasto si secchi.

Per aver un impasto morbido e fragrante è poi consigliato procedere con una seconda lievitazione. Dopo aver fatto lievitare l’impasto nel contenitore potete stenderlo direttamente nella teglia e poi farlo lievitar ancora per qualche ora. In queste fasi ricordate di lasciare l’impasto ad una temperatura costante: l’ideale è in forno spento con luce accesa.

Quale farina utilizzare?

Potremmo parlare per ore anche delle farine. Quel che va sottolineato è che non esiste una farina perfetta e che sia indice di un miglior risultato rispetto ad altre. In ogni caso per la pizza è consigliato utilizzare una farina forte che consente di ottenere un impasto più alveolato e leggero: la 00 o la manitoba, che contengono molto glutine, sono perfette.

FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/photos/farina-impasto-pane-pizza-2366531/

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

Pizza

ultimo aggiornamento: 12-03-2020


Tornano di moda le pentole in ghisa: quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questo materiale?

Spugna dei piatti: ogni quanto va cambiata?