Ingredienti:
• 320 g di linguine
• 2 cucchiai di capperi sotto sale
• 50 g di olive verdi
• 50 g di olive nere
• 3 cucchiai di olio evo
• 100 g di burro
• 250 g di filetti di tonno (meglio di Carloforte)
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 5 min
cottura: 10 min

Tra le eccellenze della cucina italiana ci sono le linguine alla Nicolo di Nicola Pomata, poi rivisitate dal figlio Luigi. Ecco la ricetta.

La storia che sta dietro un piatto di linguine alla Nicolo affonda le sue radici molto indietro nel tempo. È il 1973 quando lo chef Nicola Pomata prepara per la prima volta questo sensazionale primo piatto nell’isola di San Pietro, più precisamente a Carloforte, in Sardegna. In modo molto approssimativo potremmo chiamarla pasta al tonno, ma in realtà c’è molto altro dietro.

Partiamo dal nome, nato per un errore dell’artigiano che scolpì l’insegna: dalla a che doveva essere, si trasformò in una o. Poco importa però perché Carloforte è un avamposto della Liguria dove si parla… genovese! E in questa lingua Nicola e Nicolo sono la stessa cosa. Parliamo poi del tonno, un vero vanto dell’isola: si utilizza unicamente quello pescato a tonnara fissa, catturando gli esemplari più vecchi che passano lungo la costa con il vento di maestrale. E il formato di pasta? Rigorosamente le linguine che assorbono bene tutti i sapori. Per scoprire gli altri ingredienti di questo piatto non vi resta che dare un’occhiata alla ricetta.

Feste in tavola! Piatti facili, sfiziosi e originali!

linguine alla nicolo
linguine alla nicolo

Come preparare la ricetta delle linguine alla Nicolo

  1. Per prima cosa mettete a cuocere la pasta in abbondante acqua salata per il tempo indicato sulla confezione.
  2. Nel frattempo, in un padellino, scaldate l’olio e il burro senza farli bollire quindi spegnete e lasciate intiepidire.
  3. Dissalate per bene i capperi e tritateli al coltello insieme alle due varietà di olive quindi trasferiteli in una ciotola.
  4. Unite il tonno di Carloforte spezzettato con le mani e il condimento a base di burro e olio, mescolando con una forchetta.
  5. Scolate la pasta e saltatela nella ciotola con il sugo, aggiungendo giusto qualche cucchiai di acqua di cottura della pasta. Servite subito.

La pasta alla Nicolo è stata in seguito rielaborata dal figlio. Se desiderate prepararla in questa versione unite al tonno la scorza grattugiata di mezzo limone e dopo aver distribuito la pasta nei piatti completate con una spolverata di pecorino. Checchè se ne dica, sta benissimo con il pesce.

Amate la pasta al tonno? Non lasciatevi sfuggire la nostra personale ricetta!

Conservazione

Vi consigliamo di consumare questo primo piatto facile e veloce appena fatto. Come potete notare infatti il condimento non viene riscaldato in padella ma utilizzato “a crudo”.

5/5 (3 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 11-11-2022


Ricotta e carciofi, il condimento ideale per la pasta

Cacio e pepe cremosa: come prepararla a regola d’arte?