Sono in molti a chiedersi se le patate germogliate si possano mangiare o meno: vediamo di scoprirlo insieme.

Le patate sono tra gli alimenti più utilizzati e apprezzati in cucina. Versatili e gustose, vengono impiegate in moltissimi modi, pertanto è naturale averne sempre in casa un sacchetto. Spesso, però, tendono a deteriorarsi piuttosto velocemente ed è naturale chiedersi se le patate germogliate si possono mangiare oppure è meglio gettarle.

In linea di massima possiamo dire che le patate germogliate restano commestibili per un breve periodo: oggi faremo un po’ di chiarezza sull’argomento e soprattutto scopriremo come evitare che le patate germoglino.

Patate germogliate
Patate germogliate

Patate germogliate: si possono mangiare?

Anche se avete conservato le patate nel modo migliore possibile, può darsi che spunti qualche germoglio. Questo perché si tratta di un loro meccanismo di difesa contro la formazione di funghi e muffe. Il dibattito se una patata germogliata sia o meno commestibile riguarda lo sviluppo di una sostanza chiamata solanina che se presente in quantità eccessiva potrebbe portare a un’intossicazione alimentare.

Le patate germogliate si possono mangiare solo se i germogli sono pochi e non molto sviluppati, se la patata non presenta macchie verdi o muffe e se la polpa è comunque ben soda: patate verdognole, molli e con la pelle raggrinzita vanno assolutamente gettate.

Ora che avete scoperto tutti i trucchi per conservare le patate e come capire se sono ancora commestibili, non vi resta che cucinarle: ecco tutte le nostre migliori ricette con le patate!

Come conservare le patate?

Affinché le patate si conservino più a lungo è molto importante prestare attenzione in fase di acquisto. Scegliete delle patate prive di macchie, tagli o che risultino molli al tatto. Va da sé che anche le patate già germogliate non vanno acquistate.

Una volta arrivati a casa, se le patate dovessero risultare umide, asciugatele accuratamente con della carta da cucina e rimuovetele dai sacchetti di plastica. È meglio riporle in un sacchetto di carta aperto in un luogo fresco, asciutto e buio. La temperatura ideale per conservare le patate è compresa tra i 7°C e i 12°C.

Sarebbe meglio poi non mettere le patate in frigorifero poiché tendono a diventare eccessivamente dolci e a cambiare di colore in cottura. Tuttavia, se le temperature della vostra casa dovessero essere troppo alte, riponetele sempre in una sacchetto di carta nel cassetto della frutta del frigorifero a una temperatura non inferiore ai 5°C.

TAG:
consigli alimentari

ultimo aggiornamento: 23-11-2020


Sogni una casetta di pan di zenzero perfetta? Ecco la ricetta infallibile

Mezcal, il distillato messicano ottenuto dall’agave