Scopriamo come funziona la prova dello stecchino e perché è fondamentale per testare la cottura di dolci e non solo.

In moltissime ricette, soprattutto dolci, si legge sul finire della preparazione, durante la fase di cottura in forno, di eseguire la prova dello stecchino. Ora, se per i più esperti in cucina questo sembra un passaggio del tutto naturale, una consuetudine a cui nemmeno prestano più attenzione, gli aspiranti pasticceri sicuramente vorrebbero capirne qualcosa in più. Per esempio: perché si fa la prova dello stecchino quando la ricetta già riporta i tempi di cottura? E ancora: cosa mi dice di così importante uno stecchino?

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Prova stecchino
Prova stecchino

Prova dello stecchino: come farla

Cominciamo con il dire che la prova stecchino è una tecnica tanto antica quanto semplice ed efficace che permette di verificare la cottura dei dolci (ma anche dei polpettoni) in forno. È noto infatti che ogni forno ha il suo funzionamento e spesso le temperature impostate sono falsate di qualche grado. Per le preparazioni più delicate questo è sufficiente a compromettere la cottura.

Per la prova stecchino si procede semplicemente inserendo al centro del dolce uno stuzzicadenti o uno stecchino per spiedini per poi assicurarsi che ne esca completamente asciutto. Per una verifica ottimale, lo stuzzicadenti deve arrivare a toccare la base della tortiera. Qualora dovessero rimanere tracce di impasto attaccate al legno, dovrete proseguire la cottura per altri 5 minuti per poi ripetere la verifica.

Ma attenzione alla prova dello stecchino! Questa potrebbe anche ritorcersi contro di voi se la eseguite al momento sbagliato. Il forno infatti non va mai aperto nei primi 20-30 minuti di cottura o l’aria fredda che entra rovinerà irrimediabilmente la lievitazione del dolce. Indicativamente vi consigliamo di procedere con la prova stecchino durante gli ultimi 5 minuti di cottura riportati dalla ricetta. In questo modo sarete certi di non fare grossi danni e, eventualmente, togliere per tempo il dolce dal forno evitando che si cuocia troppo.

Un ultimo consiglio: se non avete stecchini in legno potete anche utilizzare uno spaghetto o la lama di un coltello da tavola. Alcuni utilizzano una forchetta ma, oltre a non arrivare fino alla base del dolce, tende a lasciare dei fori piuttosto vistosi sulla superficie.

Ora che la prova stecchino non ha più segreti, le vostre torte usciranno dal forno perfette, soffici e leggerissime. A proposito di vecchie ma efficaci tecniche: conoscete la prova del piattino delle marmellate?

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 02-03-2022


Prodotti monouso per allestire la tavola: Le Nappage approda online con lo shop Artetavola

Come conservare la lattuga: trucchi e consigli