Ricetta salva spesa: Finto tiramisù alla banana

SHARE

Un dolce facilissimo, cremoso e senza caffé e savoiardi: finto tiramisù alla banana.

chiudi


Il finto tiramisù alla banana non è una fregatura, anche se è “finto”. In effetti non si può chiamare tiramisù un dolce che non prevede l’uso di due ingredienti fondamentali in questa preparazione, ovvero i savoiardi (o i Pavesini) e il caffè. Ma la consistenza cremosa, la straficazione e la mousse di uova e mascarpone sono le stesse, per cui questo dolce non può che essere un’originale alternativa al classico della pasticceria più amato d’Italia.

COSTO: basso

DIFFICOLTÀ: 1

COTTURA: /

TEMPO DI PREPARAZIONE: 30′

INGREDIENTI: *4 persone*

  • 250 gr di mascarpone
  • 60 gr di zucchero semolato
  • 3 uova a temperatura ambiente
  • 2 banane mature ma non troppo
  • 1 noce di burro
  • cacao amaro in polvere q.b.
  • cannella (se gradita)
  • bastoncini di cialde per decorare (opzionale)

PREPARAZIONE:

Per preparare il vostro finto tiramisù alla banana, per prima cosa rompete le uova a temperatura ambiente separando i tuorli dagli albumi. Montate a neve gli albumi con metà dello zucchero semolato.

Nell’altra ciotola con i tuorli, versate il restante zucchero semolato, aggiungete se vi piace un’ombra di cannella e poi il mascarpone, e lavorate il tutto con uno sbattitore elettrico, per ottenere un composto molto liscio e spumoso.

Incorporate i due composti, mescolando con una spatola dall’alto verso il basso.

Affettate le banane, poi fate sciogliere un pezzetto di burro in una padella antiaderente e versate le banane, che dovranno “rosolare” appena nel burro. Lasciatele raffreddare.

Iniziate a stratificare il dolce direttamente nelle coppette, alternando uno strato di rondelle di banane, la crema e una spolverizzata di cacao amaro. Riponete in frigo per almeno 2 ore prima di servire.

Servite il vostro finto tiramisù alla banana, decorandolo, se volete, con qualche bastoncino di cialda.

Da fare anche i tortini senza zucchero alla banana e carote

BUON APPETITO!

Fonte foto: Pixabay