La Locanda Lorena, con una location unica nel parco naturale dell’isola Palmaria, è un ristorante con piatti tipici della cucina ligure assolutamente da provare.

La Locanda Lorena è definita la “Perla del Golfo” a Portovenere. Sia un ristorante cult che un hotel in cui soggiornare, ci si può ricaricare nelle sue accoglienti camere dal design coloratissimo o nel villino, un’antico edificio restaurato immerso nel verde, con una vista mozzafiato sull’azzurro del golfo.

La locanda è stata aperta nel 1997 dal cuoco Giuseppe Basso nel parco naturale dell’isola Palmaria. Ed è scontato dire che questa sua intuizione si è trasforma in un successo. La location da fiaba è una costruzione a picco sul mare utilizzata negli anni ’30 come punto di ristoro e ufficio postale dai pescatori e dai marinai di passaggio. L’isola è un vero giardino naturale, un’oasi di tranquillità rimasta per decenni un presidio militare abitato solo da poche famiglie.

Non avete ancora fatto un salto in questo paradiso e, in particolare, in questa locanda? Allora è il momento di scoprire menù e prezzi del locale.

Il menù e i prezzi della Locanda Lorena a Portovenere

Alla Locanda Lorena, come si legge sul sito, si possono assaggiare le prelibatezze cucinate dal team del cuoco Giuseppe Basso. Non solo piatti di mare ma anche piatti tipici della cucina ligure e locale, preparati con l’amore per i gusti della tradizione e con una grande attenzione per la qualità dei prodotti. Si parte dagli antipasti ricchissimi e cucinati sul momento. Uno dei piatti tipici sono i muscoli e le acciughe ripiene o marinate, le fritture perfette e i frutti di mare.

Tra i primi spiccano le pennette agli scampi e i mitici spaghetti alla Giuseppe. Anche se c’è davvero l’imbarazzo della scelta e il menù può soddisfare tutti i gusti e le esigenze. Tra i piatti di terra immancabili le meravigliose trenette al pesto. Per secondo, tanto pesce freschissimo, grigliate di mare, insalata all’astice. Tutto accompagnato da ottimo vino. Come dolce della casa un buon sorbetto col limone.

La prenotazione è obbligatoria e i prezzi per un pasto vanno in media da 45 a 50 euro. Di seguito un post Instagram che mostra la locanda di sera:

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Per chi fosse alla scoperta della costiera ligure e fosse interessato a un altro ristorante vista mare, Da Vittorio a Portofino è assolutamente da provare.

Storia della Locanda e come raggiungerla

Ci sono luoghi che cambiano la storia degli uomini e uomini che cambiano la storia di un luogo. È il caso di Giuseppe Basso che nel 1952 all’età di soli 14 anni lascia la nativa Vernazza per imbarcarsi come cambusiere e apprendista cuoco sulle navi dell’armatore Scerni di Genova. Per 13 anni il giovane Giuseppe impara i segreti della cucina e soprattutto impara l’arte di trasformare il pescato quotidiano in un piatto gourmet.

Tornato nella sua Vernazza decide di aprire un ristorante, era il 1965: il Belforte. Il ristorante è ottimo e la simpatia del titolare conquista tutti, anche i personaggi del jet set e del mondo dello spettacolo, che transitano nella zona, diventano clienti del ristorante. Negli anni settanta lo zio Eliseo gli propone di subentrargli nella gestione dello storico ristorante Iseo di Portovenere. Giuseppe lo renderà il punto di riferimento per vip e grandi personaggi ma è nel 1997 che decide di aprire Locanda Lorena.

A oltre 20 anni dalla sua nascita, Locanda Lorena è rinomata in tutto il mondo per i suoi piatti e per la bellezza del paesaggio che la circonda. La si può raggiungere partendo dal moletto di Portovenere a bordo di una singolare imbarcazione, un tipico taxi che Basso ha acquistato per consentire ai suoi ospiti di arrivare comodamente al ristorante con qualsiasi condizione del tempo. La locanda ha anche una vasta terrazza, che dopo l’estate si trasforma in veranda, è la sala principale del ristorante. Soggiornare alla locanda offre il privilegio di godere di questo paradiso naturale diventando parte della popolazione che risiede sull’isola.



Cracco Portofino: inizia il conto alla rovescia per l’apertura

Cosa mangiava Lady D? Tutto sulla sua dieta