Ingredienti:
• 500 g di farina 00
• 180 g di acqua
• 200 g di strutto
• 150 g di mandorle (+30 per la decorazione)
• 3 g di lievito secco
• 1 cucchiaino di zucchero
• 1 cucchiaino di miele
• 20 g di sale
• 3 cucchiaini di pepe nero
difficoltà: facile
persone: 8
preparazione: 30 min
cottura: 50 min

Fragranti e profumati, i taralli napoletani sono noti anche come taralli sugna e pepe e possono essere preparati a casa con la nostra ricetta!

Quando si parla di taralli napoletani ci si riferisce a un prodotto molto diverso da quello tipico della cucina pugliese. A Napoli, infatti, i taralli sono grandi, hanno la forma di una ciambelle e la superficie decorata da mandorle con la buccia.

Il sapore e la consistenza poi non si ritrovano in nessuna altra preparazione: è la presenza della sugna (infatti sono noti anche come taralli sugna e pepe) a conferire a questo prodotto da forno le sue caratteristiche peculiari. Per sugna si intende il grasso surrenale del maiale, difficile da trovare fuori dalla città partenopea e per questo sostituito nella maggioranza delle ricette con lo strutto. Curiosi di scoprire la ricetta e mettere le mani in pasta?

10 ricette per tenersi in forma

Taralli napoletani
Taralli napoletani

Come preparare la ricetta dei taralli napoletani

  1. Per preparare i taralli napoletani cominciate dal lievitino. In una ciotola mescolate 100 g di farina presa dal totale, il lievito, lo zucchero e 80 grammi di acqua.
  2. Coprite il composto ottenuto (non preoccupatevi se vi sembra troppo liquido) e lasciatelo lievitare in un luogo tiepido per circa un’ora.
  3. Nel frattempo potete dedicarvi alle mandorle: tostate con la buccia in forno a 200°C per 5-8 minuti, quindi sfornate e fatele raffreddare.
  4. Una volta fredde trasferitele in un robot da cucina e frullatele in modo da ottenere un composto granuloso ma non troppo fine: non deve essere una farina.
  5. Aggiungete ora al lievitino la farina e l’acqua rimasti e tutti gli altri ingredienti. Impastate velocemente, proprio come se fosse una pasta frolla, giusto il tempo necessario ad amalgamare il tutto.
  6. Per formare i taralli staccate due porzioni di impasto da 50 grammi l’una e formate un filoncino lungo 20 cm.
  7. Unite le due punte superiori, arrotolate dando 4-5 giri e sigillate premendo leggermente anche l’altra estremità.
  8. Ora non vi resta che unire i due lembi e formare una ciambella.
  9. Adagiatele mano a mano che sono pronte su una teglia rivestita di carta forno e decorate con tre mandorle intere bagnate nell’acqua.
  10. Lasciate lievitare i taralli in un luogo tiepido per 3 ore (non noterete nessun significativo aumento di volume) quindi infornateli a 180°C per 55 minuti.

I taralli sugna e pepe sono ottimi anche gustati appena fatti!

Se questa ricetta vi è piaciuta vi consigliamo di provare anche quella più classica dei taralli pugliesi: è davvero strepitosa!

Conservazione

Conservate i taralli napoletani per circa 4 giorni all’interno di un sacchetto di carta. Nel congelatore, invece, si conserveranno per circa 1 mese.

3.8/5 (22 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

Aperitivo

ultimo aggiornamento: 06-11-2020


Lobio, la salsa georgiana (veg) da non perdere

Pancake di spinaci light e senza glutine: buonissimi!