Ingredienti:
• 250 g di farina 00
• 50 ml di vino bianco
• 50 ml di olio EVO
• 50 ml di acqua
• 7 g di sale
• 1 pizzico di pepe
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 60 min
cottura: 35 min
kcal porzione: 240

Ecco come fare i taralli, uno sfizio da concedersi in qualunque momento della giornata.

I taralli sono una vera istituzione al sud, in particolare in Puglia, ma sono più che graditi in ogni regione del nostro Paese. Preparati con pochissimi ingredienti, sono uno snack croccante e gustoso, ideali da mangiare da soli o in accompagnamento a formaggi o verdure grigliate.

La ricetta tradizionale dei taralli prevede il vino bianco, che li rende particolarmente leggeri al gusto; inoltre, la particolarità di questa preparazione è la doppia cottura: prima vanno fatti bollire in acqua e poi vanno cotti in forno.

Prepararli non è difficile, solo un po’ lungo. Siete pronti per iniziare? Ecco tutti i segreti per preparare dei taralli salati perfetti!

Feste in tavola! Piatti facili, sfiziosi e originali!

taralli pugliesi
taralli pugliesi

Come fare i taralli salati

Potete scegliere se farli a mano oppure con la planetaria. Noi vi consigliamo il secondo metodo siccome l’impasto è un po’ duro e faticoso da lavorare.

  1. Unite la farina, il sale e il pepe e iniziate ad impastare aggiungendo a filo i liquidi (il vino bianco, l’acqua e l’olio extra vergine di oliva).
  2. Lavorate la massa per almeno una decina di minuti
  3. Fate riposare l’impasto a temperatura ambiente per circa mezz’ora coprendolo con della pellicola.
  4. Quando l’impasto avrà riposato, potete cominciare a suddividerlo in tante palline. È importante che siamo di dimensioni simili: noi vi consigliamo di pesarle man mano e di stare sui 10 grammi circa per ognuna.
  5. Ciascuna di questa palline, poi, deve essere arrotolata con le dita, fino a formare un serpentello. Questo andrà poi chiuso nella classica forma del tarallo. Se notate che le due estremità fanno fatica a stare unite, aiutatevi con un po’ di acqua.
  6. Fate bollire dell’acqua in una pentola e, una manciata alla volta (non tutti insieme), fate bollire i taralli finché non verranno a galla, come gli gnocchi.
  7. Tirateli fuori dall’acqua con una schiumarola e poi adagiateli su un panno pulito di cotone.
  8. Rivestite una leccarda con la carta forno e infornate a 200°C i vostri taralli, finché non saranno ben cotti e dorati (ci vorrà una mezz’oretta).
  9. Una volta tolti i taralli dal forno, lasciate che si raffreddino.

Servite i vostri taralli fragranti, e conservateli per qualche giorno in un sacchetto ben chiuso.

La storia dei taralli pugliesi

Quando sono nati i taralli? Difficile dirle anche se le ipotesi più accreditate vogliono che i taralli siano stati ideati da una mamma per sfamare i suoi figli con quel poco che aveva in casa. Era il 1400 ed erano tempo molto difficili: la donna si ritrovo quindi a lavorare farina e poco altro in modo creativo. Divise poi l’impasto in salamini e li trasformò poi in anelli. Quest’idea piacque così tanto che anche altra massaie iniziarono a farli e da allora i taralli sono entrati nella storia del cibo del nostro Paese.

Ancora oggi, ad esempio, sono simbolo di convivialità e condivisione e non è raro che vengano serviti per un aperitivo in compagnia. Avete mai sentito dire “finire in tarallucci e vino”? Ecco spiegata l’origine di questo detto!

Dalle origini ai giorni nostri, la ricetta originale dei taralli è mutata e si è evoluta: si iniziò ad aggiungere anche il passaggio della bollitura per renderli più croccanti e ad insaporirli con spezie come semi di finocchio, peperoncino, olive, semini e cipolla in modo che fossero più gustosi.

Anche l’origine del nome tarallo è avvolta dal mistero: secondo alcuni deriva da tiella, quella sorta di teglia che veniva usata dalle massaie dei paesini per andare a cuocere i taralli nei forni a legna; secondo altri deriva dal latino torrère, cioè abbrustolire; per altri invece bisogna risalire al greco daratos, ovvero sorta di pane.

Taralli: tutte le varianti

Come abbiamo visto, con il passare del tempo, la ricetta si è evoluta in molti modi diversi e le tante varianti che possiamo preparare presentano anche l’aggiunta di un solo ingrediente. Però, vogliamo parlarvi in particolare della variante dolce e di quelle napoletana e siciliana.

I taralli dolci sono tipici dell’Italia centro-meridionale, dove solitamente vengono preparati in occasione di Pasqua e Carnevale. La dosi per gli ingredienti di questa ricetta sono chiaramente diverse: 6 uova, 6 cucchiai di olio, 6 g di sale, 1 pizzico di bicarbonato, 500 g di farina; vengono serviti con una glassa di zucchero a velo e acqua.

I taralli napoletani sono molto più grandi di quelli pugliesi e anche decisamente più calorici. Innanzitutto, questo impasto è lievitato e poi viene preparato con sugna/strutto, mandorle tostate e abbondante pepe.

Infine, i taralli siciliani sono dei dolcetti preparati solitamente in occasione del 02 novembre. In comune con quelli pugliesi hanno solo il nome: potremmo definirli dei biscotti aromatizzati all’anice e al limone.

4/5 (1 Review)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

Aperitivo

ultimo aggiornamento: 01-11-2020


Cosa cucino oggi? Il polpettone di carne, prosciutto e funghi fa sempre felici tutti!

Torta alla zucca vegana: senza uova e ideale per la colazione!