Ingredienti:
• 400 g di pane casereccio raffermo possibilmente toscano
• 1 cetriolo
• 4 cucchiai di aceto di vino bianco
• 300 g di pomodori maturi
• 30 g di cipolla rossa
• 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
• basilico q.b.
• sale q.b.
• pepe q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 15 min
cottura: 00 min

La panzanella è una ricetta della tradizione umile toscana, facile da fare e perfetta da servire come piatto unico gustoso.

La panzanella toscana è la dimostrazione di come pochi e semplici ingredienti possano dare vita a un piatto fantastico e incredibilmente invitante e goloso. Questa ricetta viene chiamata anche pansanella o panmollo, e consiste in una preparazione a base di pane raffermo e altri ingredienti, come pomodori, cetrioli, basilico e cipolla. Se volete, potete arricchirla anche con altri ingredienti come tonno e olive nere denocciolate, ma la ricetta della panzanella è gustosa già nella sua realizzazione tradizionale.

Notoriamente la si conosce come ricetta toscana, ma la panzanella è contesa da diverse regioni dell’Italia centrale, come l’Umbria e le Marche.

La panzanella può essere un’idea per un antipasto ma pure per un piatto unico: è un piatto che viene consumato in tutte le stagioni ma soprattutto d’estate, considerata la freschezza di tutti i suoi ingredienti.

10 ricette per tenersi in forma

Panzanella
Panzanella

Come fare la panzanella: il procedimento

  1. Cominciate dal pane. Tagliatelo prima a fette, quindi a dadini della dimensione di circa 2-3 centimetri. Lasciate la crosta: in una buona panzanella è importante che si senta sotto i denti la diversa consistenza di mollica e crosta.
  2. Mettete i dadini di pane in ammollo coprendo con l’acqua e con l’aceto, quindi mescolate. Lasciate che ammorbidisca mentre preparate il resto degli ingredienti.
  3. Sbucciate la cipolla rossa e tagliatela a fettine sottili, quindi passate ai pomodori: eliminate la parte acquosa con i semi, tagliate la polpa a pezzetti, non troppo piccoli, e versateli in una ciotola dove aggiungerete la cipolla precedentemente tagliata.
  4. Sbucciate il cetriolo e tagliate a fette non troppo sottili, unite al resto degli ingredienti.
  5. A questo punto sgocciolate il pane, strizzatelo bene e disponetelo in un piatto da portata. Quindi versate il resto degli ingredienti, mescolate, condite con l’olio, il pepe e il sale.
  6. Lasciate insaporire per qualche minuto. Potete servire subito o lasciare raffreddare in frigorifero prima di portarla in tavola.

Se vi è piaciuto questo piatto della tradizione toscana, allora dovete assolutamente provare anche la deliziosa panzanella dolce!

Consigli

Se volete realizzare la ricetta della panzanella ma non avete intenzione di consumarla immediatamente, è consigliabile aggiungere i pomodori solo prima di servirla, in modo che non inacidiscano.

Non è fondamentale avere in casa del pane toscano, tuttavia è bene preparare le vostre panzanelle con del pane che sia raffermo. A differenza di quello di altre regioni, il “pane sciocco” sgretolandosi assomiglia quasi al cous cous.

Conservazione

Conservate la panzanella toscana in frigorifero, chiusa in un contenitore ermetico, al massimo per due giorni.

Panzanella: perché si chiama così?

Ci sono due diverse ipotesi sull’origine del nome panzanella. Secondo alcuni la derivazione è quella di pane e zanella. Zanella è un termine dialettale toscano che si riferisce ad un contenitore, come quello in cui viene preparata la ricetta. Secondo altri invece la parola panzana deriva da pappa, esattamente come la pappa al pomodoro.

3.5/5 (2 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

Antipasti freddi Cena veloce Ricette estive

ultimo aggiornamento: 16-06-2022


Kebab, la ricetta per farlo in casa

Primi piatti sfiziosi fate largo: è arrivata la pasta pomodoro e burrata