Vino subacqueo: una nuova pratica di invecchiamento

Come fare un infuso vegan disintossicante

Quella del vino subacqueo è la recente moda di far invecchiare il vino sott’acqua, che prende piede in Spagna, Italia e Francia

L’idea di fare invecchiare il vino o lo spumante sott’acqua che ha dato vita al vino subacqueo è una pratica che nasce per caso. In passato è capitato molto spesso per errore, ma in questo caso un’azienda ligure ha deciso di provare a far invecchiare a 70 metri di profondità ben 6.500 bottiglie di spumante. L’azienda in questione si chiama Bisson di Chiavari, ed è la prima che in Italia ha fatto un esperimento del genere, di quella che viene definita spumantizzazione subacquea.

Troviamo esempi anche in Spagna e in Francia

Il vino Lagunare, di una cantina subacquea in Spagna è uno degli esempi più importanti riguardo la pratica del vino subacqueo. Questo vino è un rosso che finisce sott’acqua quando è ancora dentro la botte.

In Spagna la cantina subacquea Lseb (Laboratorio submarino envejecimiento bebidas) è progettata in modo che i particolari moduli contengano le bottiglie, adagiate sul fondale. L’esperimento spagnolo è mirato a dimostrare quali sono gli effetti positivi che l’acqua del mare ha sull’invecchiamento del vino.

Anche in Francia, seguono questo esempio e uno dei brand più importanti di Bordeaux, ovvero Chateau Larrivet Haut-Brion, ha iniziato a invecchiare un Bordeaux sotto il livello del mare.

L’esperimento italiano è iniziato nel 2009 con la posa in fondo al mare di 6500 bottiglie divise in vari gabbioni.

Le bottiglie hanno potuto godere del perfetto bilanciamento di pressione, grazie alla profondità a cui sono state collocate, ottenendo un’omogenea spinta dall’interno verso l’esterno e viceversa.

Il risultato? La pressione ha favorito intenso amalgamarsi delle bollicine e ha conferito al vino subacqueo un miglior aspetto organolettico e piacere nella degustazione.

Inoltre l’effetto dondolo svolto dalle correnti marine che ha permesso di mantenere in sospensione le fecce.

Non perderti le altre golose ricette di Primo Chef, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 15-08-2016

Giulia Drigo

X