Come cuocere la pizza sul barbecue senza fare danni

Come cuocere la pizza sul barbecue senza fare danni

Come cuocere la pizza sul barbecue senza fare danni

chiudi

La pizza e il barbecue sono due dei piatti più amati dell’estate e la loro perfetta unione è la pizza sul barbecue: croccante e deliziosa!

In estate, nonostante la voglia di pizza non ci abbandoni mai, si ha sempre meno voglia di accendere il forno. Per questo cerchiamo alternative e una di queste è la pizza sul barbecue o la cottura in padella. O ovviamente anche la pizza d’asporto della pizzeria di fiducia. Se vi è saltato in mente di provare a cimentarvi con il primo metodo di cottura vi spieghiamo come fare, e vi diamo qualche consiglio. Nonostante il barbecue non sia strutturalmente la scelta migliore per cuocere la pizza, si possono ottenere risultati degni di nota e deliziosi.

Il coperchio risulta uno strumento fondamentale per l’effetto forno

Se il vostro barbecue non ha il coperchio rischiate di ottenere una cottura incompleta. La causa è il calore in arrivo esclusivamente dal basso.

Innanzitutto l’impasto della pizza si cuoce asciugandosi e, per una buona riuscita, non deve avere troppa acqua al suo interno. In questo modo otterrete una piacevole croccantezza senza l’effetto gomma.

Cuocere direttamente sulla griglia è un rischio. L’impasto avrebbe un’esposizione al calore fin troppo violenta, potrebbe biscottarsi, o addirittura carbonizzarsi se non si riesce a dosare il calore.

Una teglia da forno lasciata arroventare ci aiuta in questo senso e rappresenta una valida alternativa alla pietra.

La temperatura corretta, per una pizza perfetta è di 300-350 °C.

Se invece possedete solo un classico barbecue scoperto con la griglia, potreste provare a scottare la base della pizza senza alcun condimento sulla griglia rovente. In questo modo si potrà formare la crosta su entrambi i lati.

Poi dovete togliere la pizza dal fuoco e condirla sulla pala. Infine rimettete la pizza condita sulla griglia utilizzando un grosso coperchio per simulare l’effetto forno.

Fonte foto: Pinterest