Agretti: che cosa sono e come cucinarli?

Tutto sugli agretti, le erbe acidule ottime per la salute, ricche di vitamine e sali minerali, da mangiare sia cotte che crude per il benessere di tutto l’organismo.

Gli agretti sono delle verdure conosciute con diversi nomi. In base alle regioni dove vengono coltivati è possibile trovarli con il nome di barba del frate, senape dei monaci, liscari o roscani. Si presentano come un mazzo di foglioline allungate, simile all’erba cipollina; il colore è di un verde molto intenso e la base è rossa. Il sapore non è come quello dell’erba cipollina, ma si distingue per il suo essere acidulo – caratteristica che sembra aver dato loro il nome.

Si tratta di un alimento ricco di vitamine e sali minerali in grado di contribuire al benessere generale dell’organismo. In particolare, sono molto apprezzati nella dieta mediterranea in quanto ricchi di principi nutritivi. Vantano, infatti, una notevole quantità di vitamine A e B. Sono, inoltre, ricchi di sali minerali come il potassio, magnesio e ferro oltre che di una buona quantità di fibre.

Infine, un altro dei motivi per cui gli agretti sono amici della salute è che sono ricchissimi di acqua; fanno dunque bene alla circolazione e aiutano a contrastare la cellulite. In cucina si utilizzano molto sia per preparare contorni, primi, secondi e piatti unici.

Agretti
Fonte foto: https://pixabay.com/it/salsola-barba-di-frate-agretti-2521827/

Come pulire gli agretti e come conservarli

Pulire la barba di frate è molto semplice. Prima di tutto è bene munirsi di un tagliere e di un coltellino affilato. Togliete la parte inferiore dello stelo, quella delle radichette e controllate che non ci siano parti eccessivamente dure o ammaccate. Una volta fatto ciò andranno pulite: prendere un bacinella abbastanza capiente e mettete al suo interno gli agretti. Aprite il rubinetto e lasciate scorrere per qualche tempo.

Nel frattempo, massaggiate delicatamente il tutto con le mani in modo tale da smuoverli e da far scendere sul fondale tutta la terra in eccesso. A questo punto prendete qualche cucchiaio di bicarbonato e versatelo all’interno. Lasciate agire una decina di minuti e sciacquate il tutto. Gli agretti saranno pronti per essere cotti a vostro piacimento!

Essendo gli agretti una verdura fresca, è bene comprarli e consumarli subito. Se non il giorno stesso, al massimo il giorno dopo. Il modo migliore per conservali da crudi è quello di inserirli in un sacchetto di plastica per alimenti e chiuderli in modo tale da non esporli troppo all’aria.

Come cucinare gli agretti?

Gli agretti sono un ingrediente molto versatile in cucina. Vengono infatti gustati sia crudi nelle insalate o come contorno oppure possono essere cotti nei modi più svariati, come ingrediente speciale di primi piatti o secondi.

Per poterli mangiare sarà sufficiente lessarli per 5 minuti in acqua salata bollente e poi saltarli in padella: sono buonissimi anche al naturale e non hanno bisogno particolari accorgimenti.

Se vi piacciono crudi provate a inserirli all’interno di insalate con patate e gamberetti. Diversamente, sono ottimi se passati in padella con un filo di olio e aglio. Ottimi anche da mischiare con altri vegetali o legumi come carote, fagiolini, fagioli o carciofi.

Agretti: ricette sfiziose e piatti saporiti

Per cuocerli non dovete fare altro che tuffarli in una pentola di acqua salata per circa 5 minuti. Poi non dovete fare altro se non ripassarli in padella per altri 10 minuti. Uno dei piatti più amati sono gli agretti al limone: dopo la sbollentatura, ponete in padella con in succo un di mezzo limone per 10/15 minuti.

La frittata con agretti è un’idea un po’ insolita ma che vi sorprenderà piacevolmente. Procuratevi gli agretti puliti e lavati, poi lessateli in acqua bollente leggermente salata per 3-4 minuti. Una volta saltati, lasciateli raffreddare; prendete 5 uova e sbattetele all’interno di una ciotola capiente, unendo anche ricotta e grana a piacere. Incorporate anche gli agretti, e pepe e sale. Inserite in forno già caldo a 200 °C per 15 minuti o fino ad ottenere una bella doratura.

Potete aggiungerli a qualsiasi risotto: andranno inseriti in padella durante l’ultimo passaggio, la mantecatura; noi consigliamo di abbinarli a un risotto allo zafferano.

Frittata con agretti
Frittata con agretti

Agretti: proprietà e benefici

Gli agretti sono delle verdure ottime, non solo perché sono ipocaloriche (ogni 100 g contengono appena 17 kcal), sono ricche di acqua (il 92% del totale) ed hanno una buona quantità di carboidrati e fibre, necessarie per garantire un buon funzionamento dell’intestino ed una buona depurazione del fegato.

Questa caratteristica in particolare li rende degli ottimi alleati per l’intestino: se mangiati regolarmente, come molte altre verdure, riescono a favorire la naturale regolarità intestinale. Aiutano, dunque, ad avere un addome più sgonfio e a evitare l’accumulo di aria nello stomaco.

Quasi tutto l’organismo è in grado di beneficiare degli effetti positivi degli agretti. Sono, infatti ricchi di vitamine e sali minerali fondamentali per il corretto funzionamento dell’organismo. Vi è, infatti, una buona presenza di vitamina A, C e vitamine del gruppo B. I sali minerali, invece, come il potassio, il calcio e il magnesio contribuiscono ad avere una maggiore energia e ossa più forti.

Grazie alla ricchezza di acqua permettono, infine, un corretto drenaggio dei liquidi e aiutano ad eliminare le scorie in eccesso.

Le controindicazioni degli agretti

Gli agretti non hanno delle particolari controindicazioni, in quanto sono composti principalmente da acqua, proteine e fibre: per 100 grammi di prodotto ci sono solo 5,6 grammi di carboidrati e soli 5,6 grammi di zuccheri. Da un punto di vista nutrizionale, sono perfetti sia per chi desidera perdere peso, sia per chi vuole mantenere un peso forma.

Tuttavia, è bene non eccedere nelle porzioni, altrimenti si rischiano fastidiosi dolori intestinali.

Aggiungi al ricettario

ultimo aggiornamento: 25-03-2019

X