Vi ricordate alcuni degli alimenti flop che hanno segnato la storia dei global foods negli anni? Ecco una lista completa.

Molti di voi li ricorderanno sicuramente tutti. Stiamo parlando degli “alimenti flop” che hanno segnato la storia del food e del marketing mondiale. Si tratta di prodotti commerciali troppo originali che, molto spesso, hanno osato troppo. Il risultato è stato di non riscuotere troppo successo tra il pubblico di compratori mondiali, così da finire nel dimenticatoio – ed essere eliminati dal commercio. Ripercorriamoli in questa breve lista.

La lista degli alimenti flop che hanno segnato la storia

Nel corso degli anni il mondo del marketing ha conosciuto nuovi prodotti alimentari, la cui storia è subito finita in declino. Mix troppo azzardati o gusti troppo raffinati, i motivi che ci sono alla base sono vari. Ad ogni modo, li ripercorriamo qui di seguito.

Ravioli dolci di Giovanni Rana

10 ricette per tenersi in forma

Alimenti flop
Ravioli dolci

Cominciamo dal più recente flop della storia del food. Nel periodo di lancio hanno fatto letteralmente clamore, stiamo parlando dei ravioli di cioccolato. Messi in commercio dal buon Giovanni Rana, sono stati una meteora, nonostante la loro incredibile dolcezza. Probabilmente, ciò che non è piaciuto è stato il fatto di doverli servire come dolci; troppo complicato – forse – per un piatto che semplicemente deve concludere un pranzo.

Patatine al gusto pollo roasted

Patatine al gusto pollo roasted
Patatine al gusto pollo roasted

Un’altra azienda italiana che ha fatto “un buco nell’acqua” è stata Amica chips. Le patatine al gusto pollo roasted non sono piaciute molto, nonostante la loro croccantezza. Un gusto che si poneva al confine tra sapori differenti e che univano la tradizione italiana a quella americana.

Acqua aromatizzata di San Benedetto

Acqua aromatizzata di San Benedetto
Acqua aromatizzata di San Benedetto

Passiamo alla San Benedetto, azienda che alcuni anni fa ha lanciato sul mercato una linea di acqua aromatizzata. Si trattava di bevande arricchite con aromi di diversi gusti, come succo d’arancia e succo di limone. Il loro retrogusto troppo pungente, però, non deve aver convinto il pubblico.

Philadelphia Milka

Philadelphia Milka
Philadelphia Milka

Tra le aziende estere che hanno tentato la rivoluzione c’è Milka. In collaborazione con Philadelphia, il marchio ha proposto una vaschetta con crema spalmabile a base di formaggio mescolato con il buon cioccolato della nota azienda. Il retrogusto acidulo del formaggio, però, unito alla dolcezza del cioccolato non è riuscito a mantenere vivo l’interesse per il prodotto che, dopo un po’, ha perso l’effetto “wow”.

Chupa Chups con Babol

Chupa Chups con Babol
Chupa Chups con Babol

La collaborazione tra Babol e Chupa chups è al suo secondo tentativo. In principio, ci fu il lecca lecca che conteneva un cuore di gomma da masticare. Successivamente, ci hanno riprovato con un astuccio che conteneva caramelle particolari: l’esterno è quello consueto di una caramella che si scioglie, mentre l’interno è un cuore gommoso da masticare.

McPizza

McPizza
McPizza

Tra i tanti alimenti flop, alcuni ricorderanno la vecchia McPizza. La nota catena di food McDonlad’s tentò di incrementare il successo proponendo una pizza; tuttavia, questo prodotto richiedeva più tempo di preparazione e prevedeva un costo più elevato. Questi principi erano contrari a quelli fondanti del marchio e, in aggiunta, la tanta concorrenza portò la McPizza a scomparire dal commercio nel 2000.

Vi piacciono queste curiosità? E allora ecco un viaggio virtuale alla scoperta dei tipi di pizza americana.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 08-09-2022


Tutti i piatti preferiti della Regina Elisabetta II: dall’antipasto al dolce… senza dimenticare l’ora del tè

Tempo di funghi. Ecco quali sono quelli commestibili