Ingredienti:
• 400 g di carpaccio di manzo
• 2 tuorli
• 2 cucchiai di aceto
• 200 ml di olio di semi di girasole
• 2 cucchiai di latte
• 1 cucchiaio di salsa worchester
• sale q.b.
• pepe q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 10 min
cottura: 00 min

Il carpaccio Cipriani è un secondo piatto a base di carne cruda servito con maionese alla salsa worchester.

Per individuare le origini del carpaccio dobbiamo fare un salto a Venezia. Siamo nel 1950 e l’allora proprietario dell’Harry’s Bar Giuseppe Cipriani, inventò una ricetta destinata a rimanere nella storia: il carpaccio Cipriani. In sostanza si tratta di un piatto di carne cruda affettata molto sottile e servita con una salsa a base di maionese e salsa worchester.

Questo prodotto tipico deve il suo nome a un famoso pittore veneziano, tale Vittore Carpaccio, che proprio in quei giorni stava tenendo una mostra in città. Non tutti sanno però che il carpaccio con salsa Cipriani è una ricetta per la contessa di Venezia Amalia Nani Mocenigo: i medici le avevano infatti ordinato di non consumare carne cotta e così l’amico e proprietario del locale studiò un piatto adatto alle sue esigenze. Curiosi di scoprire come si prepara?

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Carpaccio Cipriani
Carpaccio Cipriani

Come preparare la ricetta del carpaccio Cipriani;

  1. Per prima cosa preparate la salsa Cipriani. Riunite nel boccale del mixer a immersione i tuorli, un cucchiaio di aceto, un pizzico di sale e uno di pepe. Frullate a media velocità e versate a filo l’olio, davvero molto piano. Dovrete infatti ottenere una salsa densa e cremosa.
  2. A parte, mescolate la salsa worchester, il latte, l’aceto rimasto, un pizzico di sale e uno di pepe.
  3. Unite poi le due preparazioni mescolando delicatamente.
  4. Distribuite le fettine di manzo su un piatto da portata e servitele con la salsa. A piacere potete arricchire il piatto con qualche fogliolina di rucola.

Vi consigliamo di far affettare direttamente al macellaio il carpaccio così da averlo del giusto spessore. Per preparare il carpaccio con la ricetta originale infatti le fettine non devono essere più spesse du un paio di millimetri.

A partire dalla sua nascita, con il termine carpaccio si è cominciato a indicare tutte quelle preparazioni di carne, pesce, frutta e verdura tagliate molto sottili e servite con i più disparati condimenti. Volete un esempio? Provate il carpaccio di salmone.

Conservazione

Il carpaccio alla Cipriani va consumato appena fatto. Potete conservare separatamente la carne e la salsa per un paio di giorni in frigorifero, entrambi ben coperti.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 10-03-2022


Vi presentiamo i pancake giapponesi: guardate che belli!

Torta di riso o torta degli addobbi, una ricetta tradizionale bolognese