Fabrizia Meroi, dopo la stella Michelin del 1997, è stata nominata Chef Donna 2018. Ecco il suo ristorante e l’amore della sua vita: Roberto Brevedani.

È di Belluno la vincitrice del premio speciale Michelin Chef Donna 2018. Fabrizia Meroi, nata nel 1969 nel Friuli, gestisce il ristorante Laite a Sappada insieme al marito Roberto Brevedani. Chef autodidatta, la sua carriera ha alle spalle tantissima esperienza e una stella Michelin ricevuta nel 1997.

Fabrizia Meroi: la sua carriera

Modesta e umile, nonostante gli importanti riconoscimenti ricevuti e il successo del suo ristorante, Fabrizia si definisce una chef autodidatta. L’arte della cucina l’ha imparato dalla sua nonna e dalla sua mamma, che le hanno trasmesso tutto l’amore per il cibo e l’ambito culinario. Il primo ristorante che gestisce è il Keisn, sempre insieme a Roberto, suo compagno di lavoro, di avventure e di amore.

La cucina, come precisato, non è mai stata una cosa nuova a casa Meroi: la nonna di Fabrizia amava cucinare e sua mamma gestiva un’osteria, sempre nel Friuli. Il papà, invece, era un’instancabile imprenditore. È proprio da lui che Fabrizia ha ereditato il suo spiccatissimo senso del dovere: la chef stellata confessa che le ore passate in cucina, dietro ai fornelli del suo Laite, arrivano addirittura ad essere 15 al giorno!

Fabrizia Meroi: la sua vita privata

Fabrizia Meroi
Fonte foto: http://www.ristorantelaite.com

Amore e lavoro sembrano andare a braccetto quando si parla di Fabrizia e di Roberto. La loro storia ha inizio nell’ormai lontano 1987 e sembra non poter aver fine, proprio come nelle favole! In quell’anno Fabrizia va a Sappada per lavoro e incontra Roberto. Vanno in vacanza insieme a Santorini e solo tre anni dopo, nel 1990, decidono di aprire insieme il loro primo ristorante: il Keisn.

Sette anni dopo, nel 1997, nasce Elena. La vita di famiglia si mischia sempre di più a quella lavorativa, ma l’amore di Roberto e di Fabrizia rimane saldo e forte nel corso degli anni e nel 2001 i due aprono insieme il Laite. Lui alla sala, lei alla cucina: il binomio perfetto per portare avanti una storia d’amore eterna che, nonostante le enormi fatiche del mestiere e le responsabilità che ne derivano, si fa più forte che mai.

Fonte foto: http://www.ristorantelaite.com

Il ricettario d’autunno per piatti gustosi e profumati


La Festa della Fragola di montagna, in Val Venosta

L’olio di semi di tè in cucina, un ingrediente sano ed irrinunciabile