Piemontese di nascita, è a “casa” sua che ottiene le due ambite stelle Michelin lavorando presso la Locanda del Sant’Uffizio di Crippa.

Passione e dedizione pagano sempre e Gabriele Boffa ne è la prova. Nato in Piemonte, dopo un periodo trascorso in giro per il mondo alla scoperta di nuovi sapori, fa ritorno a casa. Alla guida della Locanda Sant’Uffizio di Enrico Bartolini ottiene due stelle Michelin. Vediamo di conoscerlo meglio scoprendo qualche dettaglio sulla sua carriera e vita privata.

10 piatti detox per rimettersi in forma dopo le feste

Chef che impiatta
Chef che impiatta

Chi è Gabriele Boffa

Classe 1987, Gabriele è nato ad Alba e ha la fortuna di crescere in un ambiente dove la cucina la fa da padrone. Sono soprattutto le nonne ad aver condizionato il suo modo di vedere la cucina. Basti pensare che entrambe erano attive nel settore della ristorazione. Ma il gene dell’eccellenza gli scorre nel sangue: tempo addietro uno zio ottenne una stella della guida rossa mentre un cugino è un rinomato pasticcere.

Decide quindi di frequentare l’Istituto Alberghiero di Alba e questo gli apre le porte di alcune delle cucine più prestigiose del territorio piemontese: trattoria Del Bivio di Cerretto Langhe, guidata dallo chef Massimo Torrengo, da Guido Ristorante a Pollenzo insieme agli chef Guido Alciati e Savino Mongelli, La fermata di Alessandria con chef Riccardo Aiachini e Andrea Ribaldone, al ristorante Combal.Zero di Davide Scabin a Rivoli e al Piazza Duomo di Enrico Crippa.

Non mancano poi le esperienze all’estero, a suo dire fondamentali per plasmare la sua attuale idea di cucina: da Yannick Alléno in Francia a Pujol in Messico passando per la Spagna di Mugaritz. Diventa poi chef della Locanda Sant’Uffizio di Enrico Bartolini dove in breve tempo conquista la prima stella Michelin. È il 2022 quando le stelle diventano due.

Gabriele Boffa e la Locanda del Sant’Uffizio

Situata nel cuore del Monferrato, per la precisione a Cioccaro di Penango in provincia di Asti, la Locanda del Sant’Uffizio è un vecchio monastero del ‘500 oggi trasformato in un relais. All’interno sorge il ristorante due stelle Michelin di Enrico Crippa, la cui cucina è affidata per l’appunto alle sapienti mani dello chef Boffa.

Volendo descrivere la sua cucina potremmo parlare di classicità contemporanea. Viene fatta grande attenzione alla provenienza delle materie prime, quanto più possibile locali, rivisitate però in chiave moderna. Ci troviamo infatti in un territorio fatto di eccellenze, una su tutte il tartufo, che vengono riproposte nel menù degustazione “Classici del Sant’Uffizio”. Per un’esperienza più contemporanea invece è studiato il menù degustazione di sei portate “Cuore e mente”.

3 curiosità su Gabriele Boffa

– Non sono molte le informazioni sulla vita privata dello chef. Gran parte delle giornate infatti sono occupate dal suo lavoro ma nel tempo libero ama dedicarsi alle sue passioni: i viaggi, l’enogastronomia e la bicicletta.

– Era il 2017 quando Gabriele arriva nelle cucine del Sant’Uffizio e sono passati meno di 8 mesi (era il 2018) prima che ottenesse la stella Michelin. Nel 2022 ottiene la seconda stella Michelin.

– Il suo profilo Instagram è interamente dedicato alla cucina.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2023 - PC

ultimo aggiornamento: 03-12-2022


Davide Merigo, l’architetto del gusto di BakeOff Italia 2022

Tracy Eboigbodin, dalla Nigeria vince Masterchef Italia 11