Ingredienti:
• 800 g di polpa di cinghiale
• 2 carote
• 2 cipolle
• 2 gambi di sedano
• 1,5 l di vino rosso
• 4 bacche di ginepro
• 4 chiodi di garofano
• 1 stecca di cannella
• 2 rametti di rosmarino
• 2 foglie di alloro
• 2 spicchi di aglio
• sale q.b.
• pepe q.b.
• olio extravergine di oliva q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 30 min
cottura: 140 min

Il cinghiale in salmì non è certo una ricetta veloce, tuttavia è talmente buona che vi invitiamo a provarla almeno una volta!

Il cinghiale in salmì è una di quelle ricette da ristornate di montagna che suscita sempre l’approvazione di tutti. Il motivo, forse, è che molti lo considerano troppo complesso da preparare a casa, pertanto finiscono col gustarlo solo di rado. Peccato, perché la ricetta del cinghiale in salmì non è poi così complessa. Due sono i passaggi chiave a cui occorre prestare più attenzione: la marinatura e la cottura.

La prima serve per togliere il sapore di selvatico alla carne, quindi occorrono circa 24 ore e un consistente quantitativo di spezie. La seconda invece è fondamentale per rendere la carne tenera e può variare dalle 2 alle 4 e più ore a seconda dell’età dell’animale. Vi consigliamo quindi di cominciare per tempo e avere un po’ di pazienza: vi garantiamo che ne sarete pienamente ripagati!

9 ricette autunnali per la tua tavola

Cinghiale in salmì
Cinghiale in salmì

Come cucinare il cinghiale in salmì

  1. Per prima cosa lavate la carne e mettetela in una ciotola colma di acqua leggermente salata. Lasciatela in ammollo per 3 ore quindi ripetete l’operazione cambiando l’acqua. Eseguite questo passaggio fino a che l’acqua non sarà limpida.
  2. A questo punto trasferite la carne in una nuova ciotola.
  3. Riducete a tocchi non troppo piccoli una carota, un gambo di sedano e una cipolla e uniteli alla carne insieme alle spezie e a metà delle erbe aromatiche.
  4. Coprite con un litro di vino e trasferite in frigorifero per 12 ore.
  5. Dopo questa lunga marinatura, scolate la carne e riducetela a tocchetti di circa 2 cm di lato.
  6. In un tegame dal fondo spesso, rosolate sedano, carota e cipolla rimasti tritati finemente con qualche cucchiaio di olio.
  7. Unite la carne e insaporite su tutti i lati.
  8. Dopo circa 20 minuti unite le erbe aromatiche rimaste, versate il vino e iniziate la cottura con il coperchio. Ci vorranno minimo due ore affinché la carne risulti tenera.
  9. Sul finire della cottura regolate anche di sale e pepe.

Il cinghiale in salmì con la ricetta che vi abbiamo proposto è davvero semplice da preparare, dovete solo fare attenzione al lavaggio e alla marinatura: una passaggio importante per cucinare cacciagione e selvaggina.

Conservazione

Il cinghiale in salmì si conserva in frigorifero, in un contenitore a chiusura ermetica, per 3-4 giorni. Riscaldatelo in padella aggiungendo giusto un poco di acqua. Volendo è anche possibile congelarlo per un massimo di quattro mesi.

0/5 (0 Reviews)

ultimo aggiornamento: 07-07-2021


Favolosi spiedini di patate alla brace

Crostata vegana alla marmellata di prugne