Scopriamo come abbinare i legumi per una dieta sana ed equilibrata e quali invece sono gli accostamenti da evitare.

Vi siete mai chiesti come abbinare i legumi? Probabilmente fino a oggi li avete considerati nel modo sbagliato. Questi alimenti infatti spesso vengono equiparati alle verdure ma in realtà sono una fonte di proteine equiparabile a carne, pesce, uova e formaggi. Scopriamo quindi come abbinare i legumi a tavola nel modo corretto.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Legumi
Legumi

Abbinare i legumi: benefici

Prima di addentrarci negli abbinamenti più salutari, vediamo di capire perché i legumi sono così importanti nella dieta. In primo luogo rappresentano una fonte di proteine vegetali non indifferenti e questo vegetariani e vegani lo sanno bene. Inoltre sono ricchi di vitamine, calcio, ferro e potassio, oltre che fibre e aiutano a regolare il livello di colesterolo nel sangue.

Quando si parla di legumi poi ci riferisce non solo ai più conosciuti come ceci, lenticchie, piselli e fagioli ma anche lupini, cicerchie, fave e soia, tra tutti i legumi quello con un contenuto di grassi maggiore. C’è anche da dire che andrebbe preferito il consumo di legumi freschi, sempre più difficili da trovare. In alternativa è possibile optare per legumi essiccati mentre quelli in scatola andrebbero lasciati come ultima spiaggia e consumati solo dopo averli accuratamente sciacquati per rimuovere il liquido di conservazione.

È molto importante poi, soprattutto per coloro che seguono una dieta vegetariana o vegana, abbinare legumi e cereali perché sono due categorie tra di loro complementari. Gli uni o gli altri infatti, consumati singolarmente, non sono in grado di fornire gli amminoacidi essenziali al corretto funzionamento dell’organismo.

Quali sono gli abbinamenti migliori per i legumi?

Vi abbiamo già lasciato intendere come i legumi siano una fonte di proteine. Va da sé quindi che il modo peggiore di abbinarli è con altre proteine, come quelle contenute in carne, pesce, uova e formaggi. Si andrebbe a sovraccaricare infatti l’organismo annullandone i benefici.

Abbinare i legumi per un pasto completo non è poi così difficile. Potete tenere in considerazione le seguenti percentuali così da creare un piatto bilanciato di tutti i nutrienti necessari al funzionamento del nostro organismo:

  • 150 g di legumi freschi o in scatola (oppure 50 g di legumi secchi);
  • 80 g di cereali (pasta, riso, mais, farro, orzo);
  • 200 g di verdure e ortaggi, crudi o cotti

Queste sono le raccomandazioni della Società Italiana di Nutrizione Umana, per un soggetto normopeso e con uno stile di vita attivo.

Non è un caso quindi che molti dei piatti tipici della nostra tradizione siano basati proprio su questi abbinamenti salutari. Uno su tutti? Pasta e fagioli ovviamente! Le zuppe infatti sono un ottimo modo per sfruttare questi abbinamenti e portare in tavola un piatto unico completo superando la divisione tra primi e secondi piatti con relativi contorni.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 21-06-2022


Come usare il Varoma con il Bimby

Pizza d’autore in Italia: quanto costa mangiarla da Sorbillo, Cracco e Briatore