Dopo averli comprati, è bene sapere come pulire i fasolari. Ecco il modo più semplice per farlo e consumarli in cucina.

Li avete comprati, ma non sapete come pulire i fasolari? Innanzitutto, è bene sapere cosa sono. Chiamati anche Callista chione, appartengono alla famiglia dei molluschi bivalve Veneridae. La loro conchiglia è molto elegante: ha forma ovale, è lucida e spessa e il suo colore varia dal marrone a qualche sfumatura di rosso.

Questa tipologia si trova ad oltre 10 Km dalle coste basse e sabbiose del Mare Adriatico e, in misura minore nel Mar Mediterraneo, e a 10 m di profondità. Il frutto di mare può raggiungere grandi dimensioni, tra i 5 e i 10 cm di larghezza. Al suo interno, c’è un frutto consistente e bianco, accompagnato da un muscolo rosso.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Come pulire i fasolari
Come pulire i fasolari

Come pulire i fasolari

Dopo aver visto cosa sono i fasolari, vediamo come aprirli per poterli gustare. Prima di passare all’azione, selezionate le conchiglie integre e ben chiuse, che risultano di maggiore qualità. Mettete i frutti di mare in una ciotola piena di acqua fredda, che dovete arricchire con 1 cucchiaino di sale per ogni litro di acqua. Lasciate in questo modo per 2-3 ore per farli spurgare.

Per aprire i fasolari, prendetene uno alla volta, tenendo la parte più piccola rivolta verso il palmo della mano; usate un coltello dalla lama affilata e la punta arrotondata infilandolo tra le valve e applicate una pressione con il dito per aprire il guscio. Portate la lama fino in fondo e rivolgetela sempre verso l’alto, per aprirlo.

Una volta aperto, apportate un taglio sui due muscoli rossi con il coltello e fate passare la lama lungo tutto il guscio per staccare il frutto dalla conchiglia. Mentre lo fate, raccogliete il liquido in una ciotola. Rimuovete la sacca scura e la pellicina grigia e, poi, l’involucro esterno del frutto. Se volete servirlo all’interno del guscio, potete lasciarlo nella conchiglia e condirlo direttamente. In alternativa, recuperate il contenuto e poggiatelo su un tagliere, appiattitelo con un batticarne e includetelo nelle vostre ricette.

Come usare i fasolari in cucina

Per consumare questo prodotto, bisogna farlo rispettando le disposizioni del RegolamentoEuropeo (CE), tenendoli a -18°C per 96 ore o a -20°C per 60 ore, specie se decidete di servirli crudi. La ricetta migliore per consumarli crudi, prevede di presentarli nel guscio, conditi con olio d’oliva, succo di limone, pepe, prezzemolo e il loro liquido.

Volete sapere come consumare i fasolari cotti? Potete includerli nella ricetta di un primo piatto, con degli spaghetti o con delle linguine, come fareste con altri frutti di mare, come le vongole. In alternativa, potete unirli anche a un risotto con frutti di mare. Fate cuocere il riso, bagnandolo con il liquido dei fasolari, poi alzate la fiamma e aggiungete una noce di burro e il condimento, insaporendo con pepe e prezzemolo e mantecando. Potete anche realizzare dei fasolari gratinati al forno, una zuppa di mare, un risotto terra e mare e un sautè di fasolari.

Per non perdervi nulla, ecco quali vini abbinare a crostacei e frutti di mare.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 10-04-2022


Tutto ciò che dovete sapere sulla prescinseua ligure

Cos’è e come si fa il carpione, la marinatura che sta bene con tutto!