Qual è il vino giusto da abbinare a crostacei e frutti di mare? La risposta ti sorprenderà!

Un ingrediente pregiato e dal sapore delicato necessita del giusto abbinamento. Ecco come abbinare i crostacei e i frutti di mare con il vino.

Si sa, quando si parla di abbinamenti tra cibo e vino si entra in argomenti delicati, soggetti a diverse interpretazioni e filoni di pensiero. La storia si complica ulteriormente quando l’abbinamento interessa vino e pesce, per farsi drammatica con i crostacei e i molluschi.

I vini da abbinare ai crostacei e ai frutti di mare infatti non devono coprire il sapore delicato di questi ingredienti pregiati, ma esaltarlo e talvolta sgrassarlo. Vediamo di capire insieme quali sono i giusti abbinamenti.

Vino e ostriche
Vino e ostriche

Qual è il vino giusto per frutti di mare e crostacei?

“Con il pesce ci va il vino bianco” è il mantra di molti sommelier ed esperti di vino. In realtà abbiamo già visto come questo abbinamento quasi esclusivo sia stato sdoganato da un pezzo, aggiungendo alla lista dei “vini consentiti” anche alcune tipologie di rosso o rosè.

Con crostacei e frutti di mare tuttavia occorre rimanere sul classico ed evitare accostamenti arditi. Il vino bianco continua a farla da padrone, ma non sono certo tutti uguali!

Da nord a sud, l’Italia offre vini perfetti da abbinare ai prodotti del mare, anche a quelli più delicati e pregiati. La scelta abbiamo detto deve ricadere su vini bianchi, anche frizzanti, dal sentore erbaceo. La polpa dei frutti di mare, soprattutto se cotti alla brace è esaltata da vini come il Tocai e lo Chardonnay. Il loro retrogusto floreale infatti è perfetto per esaltare il sapore delicato delle carni.

Se il sapore dei nostri piatti necessita di essere sgrassato, come nel caso del pesce crudo, allora possiamo dirigere la nostra scelta verso un Verdicchio, dal sapore più deciso ed erbaceo.

Il re dei crostacei, o meglio, la regina, è l’ostrica. Il suo sapore salmastro e dolce allo stesso tempo hanno bisogno di un vino degno di lei. La scelta perfetta, per rimanere in Italia come territorialità, è il Franciacorta. Con le sue bollicine è simile infatti allo Champagne, l’abbinamento forse più gettonato, e si sposa alla perfezione con i frutti di mare.

Aggiungi al ricettario

ultimo aggiornamento: 09-07-2019

X