Spesso nelle ricette viene indicato come ingrediente la panna, ma ce ne sono diversi tipi! Quel è quello giusto? Ecco come scegliere la panna.

La panna è un ingrediente derivato dal latte, per la precisione è la parte più ricca di grassi che solitamente affiora sulla superficie del latte fresco. Viene utilizzata per la preparazione del burro e di alcuni tipi di formaggi piuttosto grassi. Probabilmente però se siete qui è perché sapete che non ne esiste un solo tipo e noi stiamo per rivelarvi come scegliere la panna in base all’utilizzo che ne dovrete fare.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Panna
Panna

Tipi di panna: l’elenco definitivo

Capire quale panna usare nelle ricette non è facile, soprattutto se gli ingredienti lasciano spazio a dubbi. Ecco perché ora passiamo tutti i tipi di panna che è possibile trovare in un supermercato così da capire una volta per tutte qual è quella migliore per l’utilizzo che ne dovrete fare.

Cominciamo dalla panna fresca. Anche nota come panna liquida, si trova nel banco frigo e solitamente viene venduta pastorizzata. Questo implica che il prodotto sia sottoposto a una temperatura di 70°C per abbatterne parzialmente la carica batterica. La data di scadenza resta comunque piuttosto ravvicinata. Si può utilizzare in moltissime preparazioni, dolci e salate perché è cremosa ma allo stesso tempo può essere montata. È la panna giusta da utilizzare per i liquori.

In Italia è pressoché impossibile da trovare, ma sappiate che esiste anche la panna fresca cruda, ossia non sottoposta a nessun trattamento. Al lato opposto invece troviamo la panna UHT che, proprio come il latte, viene sottoposta ad elevate temperature così da abbatterne del tutto la carica batterica e prolungarne la conservazione. Viene venduta in bricchetti e può essere conservata fuori dal frigorifero fino all’apertura. Gli utilizzi sono i medesimi della panna fresca.

A questo punto possiamo schierare la panna da cucina. Per intenderci è quella che si trova solo sugli scaffali, solitamente in contenitori di tetrapak è ha una consistenza molto più cremosa rispetto alla panna fresca. Contiene una percentuale di grassi inferiore, non monta ma è perfetta per condire i primi piatti.

Simile per utilizzo è la panna vegetale, perfetta non solo per gli intolleranti al lattosio ma anche per coloro che seguono una dieta vegana. L’utilizzo è analogo alla panna da cucina quindi è perfetta per i primi piatti ma non monta.

L’ultima tipologia è la panna da montare che si può trovare anche 100% vegetale nelle due versioni, zuccherata e non. Se vi state chiedendo quale panna usare nei dolci sappiate che questa è perfetta per coprire e farcire. La consistenza infatti è piuttosto soda e non rischia di smontarsi.

Facendo un riepilogo veloce possiamo dire che la panna fresca è perfetta per preparazioni dolci e salate, dai flan ai soufflé passando per quiche e mousse. Se invece volete sapere quale panna usare nelle ricette salate come condimento dei primi piatti, a nostro parere la migliore è la panna da cucina. A proposito: sapete che si può fare in casa?

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 06-02-2022


Biscotti fatti in casa buoni a lungo: ecco come si conservano

Scopriamo tutti tipi di cioccolato esistenti: un viaggio nella dolcezza!