Vi siete sempre chiesti quale fosse la differenza crema catalana e creme brulé? Ecco svelati tutti i segreti di questi dolci al cucchiaio.

È davvero difficile capire a un primo sguardo qual è la differenza tra crema catalana e creme brulé. I due dolci infatti vengono portati in tavola in piccole cocottine di terracotta e sono entrambi ricoperti da una sottile crosticina croccante di zucchero caramellato. Tuttavia c’è molto di più da scoprire su questi dolci che pur apparendo simili hanno storie e ricette molto diverse tra loro, pur trattandosi di due dolci facili.

Crema catalana
Crema catalana

Cos’è la crema catalana

La crema catalana è un dolce al cucchiaio che secondo la leggenda venne preparato per la prima volta dalle monache catalane. In occasione della visita del vescovo le donne prepararono un budino la cui consistenza però rimase talmente morbida da non poter essere servito. Decisero così di coprirlo con uno strato di zucchero e caramellarlo, creando così la crema cremada, ossia “bruciata”. Oggi in Spagna è nota anche come crema de Sant Josep per via dell’usanza di servirla in occasione del 19 marzo.

Come pesare la pasta
e il riso senza bilancia?

Ma come si prepara la crema catalana? Per prima cosa occorre scaldare il latte con la cannella quindi aggiungere le uova sbattute con lo zucchero e la maizena. Si fa cuocere fino ad addensare e poi si trasferisce il tutto in contenitori monoporzione. La crema catalana deve riposare 4 ore in frigorifero prima di poter essere cosparsa con lo zucchero e caramellata. Date un’occhiata alla nostra ricetta per scoprire le dosi e tutti i passaggi.

Creme brulé
Creme brulé

Cos’è la creme brulé?

Come lascia intuire il nome, questo dolce ha origini francesi, tuttavia pare che sia una rivisitazione di un dolce inglese servito sul finire dell’800 al Trinity College di Cambridge, la burnt cream. Origini a parte, questo dessert al cucchiaio è simile al precedente solo nell’aspetto. La ricetta infatti è del tutto diversa e ora vi sveliamo come si prepara la creme brulé.

La ricetta della creme brulé prende avvio scaldando latte e panna con gli aromi, in questo caso la vaniglia, per poi aggiungere le uova sbattute con lo zucchero. Dopo aver fatto cuocere il composto sul fuoco, va trasferito in cocottine (riempiendole per 1/3) e trasferite in forno per la cottura a bagnomaria a 140°C per 70 minuti. Una volta freddi si procede con la creazione della crosticina.

Ecco quindi riassunte le differenze: la crema catalana è un dolce spagnolo mentre la creme brulé come si intuisce già dal nome arriva dalla Francia. La prima è aromatizzata con la cannella, mentre la seconda con la vaniglia. Inoltre, il dolce spagnolo viene cotto in padella, mentre quello francese va ripassato in forno. Per concludere, il primo contiene solo latte mentre il secondo anche una percentuale di panna.

Riproduzione riservata © 2024 - PC

ultimo aggiornamento: 07-02-2022


Di panna non ce n’è una sola: ecco come sceglierla

Pretzel (o Bretzel): storia e curiosità su questo prodotto tipico

I commenti dei nostri lettori

Lascia un commento

0 Commenti
Feedback in Linea
Visualizza tutti i commenti