Donna da sola al ristorante: che male c'è? I nostri consigli pratici di bon ton

Donna da sola al ristorante? Perché no!

Andare da sola al ristorante per una donna può essere fonte d’ansia in alcuni casi. Ecco i nostri consigli per vivere al meglio questa esperienza!

I tempi sono cambiati e vedere una donna sola al ristorante non è più così strano. Tuttavia, per superare con successo questa prova occorre tenere presente alcune piccole regole di bon ton, che ci aiuteranno soprattutto a superare quel blocco interiore che ci impedisce di uscire dalla nostra comfort zone.

Che siate una donna in carriera abituata a viaggiare da sola per lavoro, un’amante della buona cucina o una ragazza single che non ha voglia di cucinare, il discorso non cambia: non c’è nulla di male nell’andare al ristorante da sole!

Come ‘sopravvivere’ da sole al ristorante

La prima volta potrebbe essere imbarazzante, ma con un poco di esercizio scoprirete che anche consumare da sole un pasto in qualche locale non è poi così male. Per uscirne indenni è importante mostrarsi sicure di sé: leggete con attenzione il menù, scegliendo i piatti che preferite in base all’appetito.

Non è necessario consumare un pasto di tre portate: ordinare un antipasto e un dolce non è poi così insolito. Se bevete, consultate la carta dei vini con attenzione e calma, ma non sentitevi costrette a ordinare del vino.

Donna da sola al ristorante
Donna da sola al ristorante

Quando avrete fatto la vostra scelta ordinate, senza paura di chiedere cambiamenti al piatto o delucidazioni sulla preparazione. Compito del cameriere è farvi sentire a vostro agio e rispondere alle vostre necessità. Non abbiate timore di far presente, con decisione e cordialità, se avete dei tempi ristretti per consumare il vostro pasto: di norma i tavoli singoli non vengono mai fatti aspettare a lungo, ma è meglio non rischiare.

Quando finalmente arriva l’ordine, mangiate con calma gustando il vostro piatto. Sconsigliato dalle buone maniere è l’utilizzo del cellulare durante il pasto, ma può essere un modo per intrattenersi tra una portata e l’altra. Concluso il pasto chiedete il conto e prima di pagare controllatelo senza esitazione: non essere fregati non è certo una prerogativa maschile!

Il comportamento dell’oste potrebbe essere diverso rispetto a quando si trova davanti una coppia o una tavolata. Non stupitevi quindi se vi tratta con un occhio di riguardo, sopperendo alla mancanza di cavalleria maschile, magari allontanandovi la sedia, oppure passando una volta in più per accertarsi che tutto proceda per il meglio.

Se nonostante i nostri consigli mangiare sole al ristorante per voi non è così piacevole e spontaneo potete optare per alcuni tipi di locali dove è possibile pranzare in tavoli condivisi. Anche i ristoranti dei musei e degli hotel solitamente presentano una clientela più variegata e ben disposta anche a scambiare due chiacchiere tra una portata e l’altra.

ultimo aggiornamento: 07-03-2020