Capitale Europea della Cultura del 2019, Patrimonio UNESCO dal 1993, Matera con i suoi Sassi è un’attrattiva per i turisti. Scopriamo cosa mangiare e dove.

Il 2019 vede Matera Capitale Europea della Eultura, per questo motivo abbiamo pensato per voi a una guida gastronomica della città. Vedremo quali sono i prodotti tipici di questo magnifico territorio e alcuni locali caratteristici dove gustarli.

Matera con i suoi Sassi, le caratteristiche case scavate direttamente nella roccia, è uno scenario unico in Italia. Dominata nei secoli da varie popolazioni, oggi questa regione incastonata tra mare e montagna racchiude un patrimonio storico e culinario lungo millenni.

Cosa mangiare a Matera

Quando si parla di questa città non si può non parlare del pane di Matera. Una pagnotta grande, fatta di grano duro e lievito madre, cotta nei forni a legna. La forma ricorda quella della Murgia materana, ossia quella di un cornetto, e anticamente ogni famiglia aveva il suo marchio da apporre per distinguere il pane una volta sfornato dal forno comune.

Partendo da questa pagnotta, i materani hanno dato vita anche alla cialledda, o colazione del contadino: una sorta di panzanella fatta con pane bagnato, cetrioli, pomodori e peperoni.

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

Matera
Fonte foto: https://pixabay.com/it/sassi-di-matera-paesaggio-vacanze-1200459/

Un altro prodotto tipico della zona sono i peperoni cruschi, dei peperoni dolcissimi essiccati al sole e poi fritti. Possono essere consumati da soli, come snack, oppure utilizzati per arricchire altri piatti come le orecchiette.

Questa zona inoltre è famosa per la coltivazione di numerose varietà di legumi. Accanto alle fave, servite sotto forma di purè con le cicorie, troviamo anche ceci, cicerchie, fagioli e piselli che tutti insieme vanno a comporre la crepiata materana, una sorta di zuppa arricchita con cereali, cipolle e pomodori.

Tra i primi piatti non può mancare la pasta fresca, talvolta preparata con farina di grano arso (grano duro tostato, dal colore scuro e dal sapore affumicato). Ricordiamo le orecchiette e le lagane, una sorta di tagliatella ma più spessa, larga e corta.

Protagonista indiscussa dei secondi piatti è la carne. La pignata, o pignolata, è un piatto a base di carne di pecora cotta a strati con patate, cipolle, sedano e pomodori. Gli Gnummiredd invece sono le interiora degli animali, avvolte nelle budella e cotte alla brace.

Tra i dolci ricordiamo lo sporcamuso, due strati di pasta sfoglia farciti con crema pasticcere, e le strazzate materane preparate con albume e farina di mandorle.

Il territorio è noto anche per la produzione di Olio Extravergine di Oliva e vini di ottima qualità come l’Aglianico del Vulture. 

Dove mangiare a Matera

Per gustare tutti i piatti tipici del luogo ad un prezzo contenuto e in un ambiente familiare, provate la Trattoria Lucana. Un altro ambiente semplice, ma accogliente, ideale per gustare salumi e formaggi accompagnati da un buon bicchiere di vino, è Il Cantuccio.

Il ristorante Stano per finire, è il vincitore della puntata di Quattro Ristoranti ambientata tra i sassi di Matera. Qui la cucina della zona la fa da padrona e la location che le fa da cornice vi incanterà.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/sassi-di-matera-paesaggio-vacanze-1200459/

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

consigli alimentari

ultimo aggiornamento: 10-02-2019


Aperitivo in Italia: ecco com’era ai tempi del Carosello

Massimo Bottura e Lara Gilmore aprono Maria Luigia a Modena!