Quando si parla di dolci natalizi pugliesi non c’è che l’imbarazzo della scelta: cartellate, mostaccioli e amaretti sono i protagonisti delle feste!

Che terra la Puglia: con le sue coste e il suo mare cristallino è la meta delle vacanze estive di molti. Eppure anche la stagione più fredda, quella a ridosso delle festività, dovrebbe essere presa in considerazione per una fuga di qualche giorno, non fosse altro per assaggiare i dolci natalizi pugliesi. Anche qui infatti, come in molte altre regioni del sud Italia, il Natale non può essere preso sotto gamba.

Il giorno dell’Immacolata iniziano i preparativi: le famiglie si riuniscono e iniziano la produzione di tutta una serie di ricette di dolci natalizi pugliesi, una più buona dell’altra. Sono diversi i punti in comune tra le varie preparazioni, uno su tutti il vincotto. Immancabili poi spezie e cioccolato. Che dire infine della frittura, la tecnica di cottura che porta questi dolci semplici a un livello superiore?

5 dolci natalizi pugliesi da provare almeno una volta nella vita

Durante il periodo natalizio, le strade dei piccoli paesi così come quelle delle grandi città profumano di vincotto, spezie e frittura. A un primo sguardo infatti, gli ingredienti dei dolci pugliesi di Natale sembrano sempre gli stessi eppure le sapienti massaie riescono a renderli tutti diversi, uno più buono dell’altro.

9 ricette autunnali per la tua tavola

cartellate pugliesi
cartellate pugliesi

Prendiamo ad esempio le cartellate. L’impasto è semplice e si prepara con farina, olio e vino bianco steso poi molto sottile e tagliato a strisce, come se fossero le reginette di pasta. Vengono poi avvolte su loro stesse, fermando la chiusura in alcuni punti, e fritte. Il risultato? Una sorta di coroncina che rievoca la dalia di San Nicola o la corona dei magi. Le cartellate vengono poi servite con vincotto al miele, codette di zucchero e frutta secca.

Cuscinetti
Cuscinetti

Utilizzando lo stesso impasto delle cartellate si preparano i cuscinetti, anche noti come calzoncelli. Come lascia intuire il nome, la loro forma ricorda quello di un cuscino, lo stesso su cui riposava il Bambin Gesù. L’aspetto ricorda quello dei ravioli, mentre il ripieno è a base di pasta di mandorle aromatizzata al limone. Ma a rendere così buoni questi dolcetti è la frittura, fatta rigorosamente il giorno dopo la loro preparazione.

Amaretti
Amaretti

Mandorle tritate, zucchero, uova e scorza del limone danno invece vita agli amaretti. Quando si parla di dolci natalizi pugliesi con le mandorle il primo pensiero non può che essere rivolto a loro. Hanno la forma di una pallina decorata con ciliegie candite, mandorle o chicchi di caffè che viene poi cotta al forno. Ci vuole esperienza per ottenere la giusta consistenza, ma una volta trovata la quadratura del cerchio non potrete più smettere di prepararli.

Sassanelli
Sassanelli

Rimaniamo in tema di dolci con le mandorle, a cui si aggiungono vincotto e cacao, per parlare dei sassanelli. Ancora una volta entra in gioco l’esperienza delle massaie per ottenere la giusta cottura del dolce, molto difficile da intuire per via della presenza del cacao.

Mostaccioli
Mostaccioli

Ultimi ma non certo meno importanti, i mostaccioli. Presenti anche in altre cucine dell’Italia meridionale, hanno come ingrediente principale il mosto d’uva cotto preparato durante l’autunno. A questo vanno aggiunte le spezie, chiodi di garofano e cannella sono immancabili, e una golosa copertura di cioccolato.

Cosa ne dite? Vi abbiamo convinti a fare una capatina in Puglia per il Natale?

0/5 (0 Reviews)

ultimo aggiornamento: 11-10-2021


Finocchi al forno: la ricetta gratinata e leggera

Cappelle di funghi porcini al forno con guacamole: la ricetta semplice ma gustosa