Evitare lo spreco di cibo è possibile e ci sono diverse app sul mercato pronte ad aiutare questo processo di salvaguardia dell’ambiente e delle risorse

Nel periodo dell’Expo, della crisi economica e di una crescita dell’etica alimentare è importante che ognuno, nel suo piccolo faccia la sua parte per evitare lo spreco di cibo, utile a sfamare il pianeta.

Leggi anche: Carlo Petrini: “Lo spreco di cibo deve diventare reato”

Per questo motivo stanno nascendo sempre più organizzazioni e applicazioni per smartphone e tablet per il cosiddetto Food Sharing, ovvero la condivisione dei cibi, soprattutto quelli freschi, che andrebbero sprecati perchè lasciati andare a male.

Così, iniziano a far parte di queste reti, non colo supermercati, ma anche negozi più piccoli di alimentari, come frutta e verdura, e buffet dei ristoranti o simili. Creando queste reti è possibile risparmiare soldi e cibo che andrebbe sprecato.

Un’idea che si basa su questi principi, è quella di My Foody, una start-up ideata da alcuni ragazzi milanesi. Si tratta di un’app che permette di vedere tramite il proprio cellulare quali sono i cibi nel punto vendita più vicino che hanno scadenza più ravvicinata. Questi alimenti posssono essere prenotati e consegnati a domicilio a un prezzo inferiore a quello di mercato, dello stesso prodotto più a lunga scadenza.

Questa è solo una delle tante idee per sfruttare tutti i benefici del Food Sharing, risparmiando soldi e spreco, ma esiste anche,ad esempio, Bring the food, dove il cibo avanzato da ristoranti o esercizi commerciali potrà essere preso gratuitamente dalle organizzazioni benefiche.

Anche famoso è il servizio dedicato in particolare al pane e ai prodotti da forno, “Breading”, che per mezzo della geolocalizzazione, le panetterie a fine giornata possono donare l’invenduto e questo verrà distribuito a chi ne ha bisogno.

Idee semplici per organizzazioni non troppo complesse che possono essere di grande aiuto per evitare lo spreco inutile di cibo.

 

Scopri i consigli per una casetta di pan di zenzero perfetta


Special K® presenta la nuova esclusiva ricetta nutri K

Papa Francesco invita al cibo low cost: la curia deve dire addio ai ristoranti di lusso