Papa Francesco continua la sua piccola rivoluzione all’interno della vita in Vaticano e vieta i ristoranti costosi alla Curia

Da quando è stato eletto, Papa Francesco, sta facendo una vera e propria rivoluzione del low cost, a partire dai suoi abiti e dai suoi gioielli o accessori che costano centinaia e centinaia di euro in meno rispetto a quelli dei cardinali.

Leggi anche: Carlo Cracco aprirà ristorante e bistrot nella Galleria Vittorio Emanuele II a Milano

Ma non solo su vestiti e gioielli, Papa Francesco sta facendo di tutto per abituare la Curia a spostarsi a piedi, con i mezzi pubblici o con auto normali, dimenticando le auto blu, in passato, molto spesso, utilizzate inutilmente con uno spreco eccessivo. Lui stesso quando ha bisogno dell’auto, usa una semplice Ford Focus.

E la rivoluzione low cost di Papa Francesco comprende anche il cibo. Ebbene sì, i cardinali erano da sempre abituati a banchettare nei migliori ristoranti della capitale spendendo sempre cifre astronomiche, ed era normale vederli tra Borgo Santo Spirito e Via Trasportina, oppure al celebre “Eau Vive” del Pantheon, o al “Velando” a Borgo Vittorio.

Accompagnati da parenti o amici della nobiltà romana i cardinali non disdegnavano farsi vedere seduti  gustare piatti di alta cucina anche abitualmente. Ora, è ben difficile vederne qualcuno banchettare liberamente. Molti frequentano ancora i salotti più lussuosi di Roma, ma lo fanno con la massima riservatezza, senza farsi “beccare” da Papa Francesco.

Papa Francesco, che non disdegna le mense di lavoro o un semplice panino e che dice che i soldi, quando ci sono, è meglio darli ai poveri. Chissà, quanto i ristoranti di lusso della capitale risentiranno di questa “rivoluzione”.

Papa Francesco
Fonte: Corriere

Il ricettario d’autunno per piatti gustosi e profumati


Food sharing: la filosofia del dividere per combattere gli sprechi

I medici inglesi chiedono una tassa sulle bibite gassate per combattere l’obesità