Food Truck Fest 2016: lo Street Food torna a Roma

Il Food Truck Fest 2016 torna a Roma, con il migliore Street Food su due ruote, e una varietà di prelibatezze per tutti i gusti

chiudi

Caricamento Player...

Il Food Truck Fest 2016 torna a colorare le strade di Roma, dal 18 al 20 Marzo 2016, con la sua cucina mobile: Piazza Mastai, a Trastevere, si riempirà dei più grandi locali culinari romani, ma nella versione su due ruote. L’evento è promosso da Vinòforum, quindi non mancherà il vino di qualità, rosso, bianco o rosato, sempre abbinato sapientemente alle specialità di strada, né un selezione di pregiate birre artigianali alla spina, dai migliori birrifici italiani.

L’ingresso sarà gratuito, e l’accesso sarà dalle 12 alle 24, per accontentare anche i più nottambuli.

Menù anche per bambini, vegetariani e celiaci

Le buonissime specialità di Street Food saranno così tante, che vi spiacerà non poter mangiare tutto.

Potrete gustarvi pane, panelle, crocchè e i panastick di La Panella, le migliori polpette della Polpetteria, tutti i tagli di carne alla griglia di Mr Doyle, per gli amanti del barbecue, fino ai tonnarelli cacio e pepe di Cacio Pepe.

Street Bacco propone straccetti di cane, spiedini, salsiccia, calamari, anche nella versione senza glutine, e verdure grigliate e alla piastra.

Migliori delizierà vegetariani e non con le sue olive all’ascolana, cremini, e olive al tartufo.

Fritto dorato vi ingolosirà con i suoi fritti e i pastellati.

Hamburger di manzo e veg saranno proposti da Rec 23, che accontenterà anche i bambini, con il kids burger; mentre troverete focacce ripiene e tielle di gaeta da Sto Bene Roma.

L’autentica ciriola romana, la trovate da Dar Cirola, in tre varianti, magari accompagnata con i patatwist di Apemagna.

Ristosullavia proporrà i piatti più particolari della cucina tipica della Tuscia viterbese, come maltagliati di farina di castagne, e cuore di bambù.

Infine, per il dolce affidatevi a Kombinando, con i suoi tiramisù, biscotti, caffé e centrifugati. Il tutto sarà accompagnato dalle mele Igp della Valvenosta.

Per ulteriori informazioni, cercate qui.

Fonte immagine: Pinterest