La frutta e la verdura non sono così banali come possono sembrare: a volte nascono con delle forme davvero inaspettate

Vi è mai capitato di trovare della frutta o della verdura, o qualunque altra cosa in natura che potesse assomigliare, in tutto e per tutto a qualcos’altro? E’ una cosa che può capitare spesso e che se accade in modo completamente naturale stupisce e meraviglia ancora di più.

Leggi anche: Come preparare un aperitivo analcolico alla frutta

Ebbene, navigando sul web, può capitare di imbattersi in simpatiche foto di fortunati agricoltori, professionisti o amatoriali, che hanno avuto la fortuna di trovare svariate tipologie di frutta e verdure di forme assurde. Si potrebbe anche dire, frutta e verdura con “crisi d’identità” belle e buone, perchè sembrano tutt’altro rispetto a ciò che dovrebbero essere o che siamo abituati a vedere.

Ad esempio, questo fortunato contadino, ha trovato un ravanello che potrebbe quasi…. camminare!

Fonte: Bored Panda
Fonte: Bored Panda

Ma tra la frutta e la verdura ci sono tanti esemplari con crisi d’identità, come questi pomodori che vorrebbero tanto essere una paperella. Ma abbiamo notizia anche di fragole che si sentono farfalle e preferirebbero volare libere piuttosto che stare a terra.

Fonte: Bored Panda
Fonte: Bored Panda
Fonte: Bored Panda
Fonte: Bored Panda

C’è anche un limone, o una banana… Qui si tratta di confusione fortissima!

Fonte: Bored Panda
Fonte: Bored Panda

Tra frutta e verdura c’è davvero l’imbarazzo della scelta a chi è più buffo: simpaticissima la carota che si comporta come se fosse alle terme, in una vellutate di verdure; divertente il padrone di questa civetta che ha trovato una mela che le somigliava molto.

Fonte: Bored Panda
Fonte: Bored Panda
Fonte: Bored Panda
Fonte: Bored Panda

Pare che anche i supereroi amino la frutta “speciale”: questo kiwi, appartiene senza dubbio a Batman!

Fonte: Bored Panda
Fonte: Bored Panda

Il ricettario d’autunno per piatti gustosi e profumati


Sensazioni di Mare Ancap: atmosfere mediterranee

Aperitivo: quando può diventare un’abitudine pericolosa