Nuovi studi sul ribes nero hanno messo in evidenza delle doti inaspettate e molto positive di questo frutto.

Un bicchiere di succo di ribes, o una buona scorpacciata di questi piccoli frutti, può essere di grande aiuto per il cervello e le sue capacità: infatti, oltre a migliorare l’umore, ha anche effetti positivi sulla capacità di attenzione e di concentrazione.

Il merito di questa scoperta, pubblicata sulla rivista Journal of Functional Food, è di una equipe della Plant & Food Research, in Nuova Zelanda, che ha lavorato insieme alla Northumbria University, nel Regno Unito. Lo studio è stato condotto su quasi una quarantina di adulti che venivano esaminati prima di bere 250 millilitri di succo di ribes nero e dopo.

Quello che è emerso da questo esperimento è stato a dir poco sorprendente: dopo aver bevuto il succo di ribes nero, l’umore e il livello di attenzione erano superiori a quelli misurati prima del consumo della bevanda, e si era abbassato notevolmente anche il grado di fatica mentale.

ribes nero

Perché il miglioramento dell’umore? Il ribes nero contiene delle sostanze che vanno ad agire sulle monoammino ossidasi, ovvero degli enzimi che regolano nel cervello la dopamina e la serotonina, noti regolatori dell’umore.

Se gli studi in questo senso andranno avanti, in futuro si potrebbero utilizzare estratti di ribes nero per mettere a punto dei medicinali per contrastare gli effetti di malattie neurodegenerative, ad esempio come il Morbo di Parkinson.

Va da sé che le proprietà di questi piccoli frutti, che si possono utilizzare in molte preparazioni, possono essere di grande aiuto anche agli studenti, dato che migliorano la capacità di concentrazione e attenzione. È proprio vero che la terra ci dà delle medicine e degli aiuti naturali, tra l’altro anche buonissimi da mangiare!

Fonte foto: Flickr


Dalla Scozia la nuova birra gluten free Tennent’s 1885 lager

Zespri® e Bartenders Academy firmano l’aperitivo da bere e da mangiare