Grazie ai colori presenti nella dieta Mediterranea, noi italiani siamo naturalmente più sani

La dieta mediterranea è una delle più consigliate dai dietologi di tutto il mondo: è varia, ricca di frutta e verdura, cereali e fibre e molto altro. Ora, si scopre anche che la dieta mediterranea è perfetta per merito dei colori dei suoi alimenti, naturalmente ricchi di principi benefici per il nostro organismo.

Leggi anche: Allarme pesticidi: ecco come eliminarle da frutta e verdura in 5 mosse

Lo dimostra uno studio intrapreso da due ricercatori del dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università di Pisa, Lucia Guidi e Marco Landi che spiega l’importanza degli antociani, ovvero gli elementi che caratterizzano la gamma di colore che val dal rosso al blu in frutta e verdura.

Gli antociani sono molecole che permettono di combattere e prevenire malattie cronico-degenerative, tipiche dell’invecchiamento.

Gli studiosi, nel libro Handbook of Anthocyanins: Food Sources, Chemical Application and Health Benefits, hanno stilato una sorta di classifica dei cibi più ricchi di antociani tra cui: uva nera (800-900 mg di antociani ogni 100 grammi), ciliegia (350-400 mg per etto), ribes (80-420 mg), olive (55-430 mg), vino rosso (24-35 mg).

Lucia Guidi, a capo della ricerca, ha spiegato:

“E’ stato calcolato che l’apporto pro-capite di antociani attraverso la dieta può variare nei Paesi europei tra i 19,8 e 64,9 mg al giorno, e che certamente gli italiani sono tra i maggiori consumatori di queste molecole proprio in virtù della dieta mediterranea e dell’assunzione quotidiana di frutti come more, fragole o prugne, di ortaggi come melanzane e radicchio, senza dimenticare il vino”.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 26-08-2015


Open Baladin Fest: A Torino va in scena la birra artigianale

Il take away dal vicino di casa? E’ possibile con Menu Next Door