Il Governo italiano vieta la produzione e la vendita di carne sintetica, latte e pesce, ma la decisione solleva dibattiti su sostenibilità e innovazione nell’alimentazione.

Dopo il via libera alla farina di grillo, il Governo di centrodestra ha approvato un disegno di legge che impone sanzioni da 10mila euro al 10% del fatturato annuo per coloro che producono e vendono carne sintetica, latte, pesce e cibo per animali in Italia. Ecco quindi il No dell’Italia alla carne sintetica, che porterà sicuramente un grande dibattito tra gli ambientalisti.

Carne sintetica
Carne sintetica

10 ricette detox per tornare in forma

No alla carne sintetica: la scelta dell’Italia

La produzione di carne sintetica implica l’estrazione di cellule staminali da un muscolo, che vengono poi coltivate in un bioreattore. Questa tecnologia è considerata più sostenibile per l’ambiente e in grado di produrre grandi quantità di carne in poche settimane. Tuttavia, il governo ha deciso di vietare la sua produzione e vendita in Italia.

Il sintetico, che elimina la necessità di macellazione e richiede meno risorse e sfruttamento del suolo, è stato oggetto di approfondimento nel dicembre 2021. Tuttavia, il governo ha deciso che per il momento non sarà consentito in Italia, pena sanzioni amministrative fino al 10% del fatturato annuo e la possibile esclusione dai fondi pubblici ed europei per i trasgressori, incluso latte, pesce e cibo per animali, con l’obbligo di etichettatura adeguata. Secondo il ministro della Sovranità alimentare Francesco Lollobrigida, questa decisione riguarda la qualità e la protezione della cultura e delle tradizioni.

Le parole di Lollobrigida e di Coldiretti

Il Governo difende il divieto della carne sintetica in Italia: “La tutela della cultura e della tradizione enogastronomica e il rischio di disoccupazione e impatti sulla biodiversità sono le motivazioni alla base della decisione”, commenta il Ministro Francesco Lollobrigida.

Invece commenta così la decisione il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini: “Il nostro ringraziamento va al Governo per aver accolto la richiesta di fermare una pericolosa deriva che mette a rischio non solo la cultura alimentare nazionale, ma anche l’intera filiera del cibo Made in Italy e la stessa democrazia economica. È importante sottolineare che non si tratta di carne ma di un prodotto sintetico e ingegnerizzato, che non offre alcun beneficio all’ambiente perché consuma più acqua ed energia di molti allevamenti tradizionali. Inoltre, non è sicuro per la salute dei consumatori, poiché non c’è garanzia che i prodotti chimici utilizzati siano sicuri per il consumo alimentare. Infine, è importante considerare che questi prodotti sono nelle mani di grandi multinazionali, il che li rende non accessibili a tutti. La decisione del Governo rappresenta quindi una scelta di tutela della salute pubblica, dell’ambiente e della cultura alimentare nazionale”.

Riproduzione riservata © 2023 - PC

ultimo aggiornamento: 30-03-2023


Colorare la panna montata: tutto quello che c’è da sapere

Roselline di fragole: la decorazione perfetta per i vostri dolci