Almeno una volta è capitato a tutti di chiedersi cosa mangiavano i celeberrimi Andrea e Giuliano nella cucina di Marrabbio: ora l’ okonomiyaki è arrivato in Italia.

Nel 1985 usciva in Italia il primo episodio di Kiss Me Licia, cartone animato che ha fatto innamorare migliaia di bambine e ha fatto divertire con le avventure di Andrea e Giuliano.

Leggi anche: Ristorante Gong: a Milano cucina giapponese in un ristorante cinese

Proprio loro due, Andrea e Giuliano, che “incontravano Licia per caso”, come recitava la sigla, erano sempre ghiotti di un piatto ai più sconosciuto che adoravano mangiare nel ristorante di Marrabbio, il Mambo, che era un locale specializzato in  okonomiyaki.

L’okonomiyaki, amato da Andrea e Giuliano, tanto che il gatto affermava di esserne dipendente, è il più famoso street-food di Osaka, che è la seconda città più grande del Giappone. Il nome di questo piatto significa: “come piace a te” e nacque durante la Seconda Guerra Mondiale, dove le persone si inventavano qualunque cosa per sfamarsi : quindi aggiunsero al riso, che era alla base, qualunque ingrediente.

Il piatto fu inventato più o meno nello stesso periodo, sia a Osaka che a Hiroshima, e da allora le due città si contendono la paternità della ricetta.

Okonomiyaki
Okonomiyaki

L’okonomiyaki è in sostanza una frittella saltata su una piastra cucinata con foglie di cavolo, farina e uova. Significa “come piace a te”, perchè dopo questa base, ci si può aggiungere cosa si vuole, carne, formaggio, gamberi… Il tutto è condito con la maionese giapponese, okonomi, con alghe verdi e katsobushi.

Ora è possibile gustare anche in Italia il piatto tanto amato da Andrea e Giuliano: è stato aperto in via Savona 15 a Milano, il ristorante Maido, ispirato a questo piatto e al celebre cartone animato. Infatti, regna davanti alla cucina l’immagine del mitico chef Marrabbio. Ovviamente, nel ristorante, si possono gustare moltissime altre specialità giapponesi, che sicuramente piacevano moltissimo anche ad Andrea e Giuliano!


“Life”, il cocktail tributo a expo: in un bicchiere la vita dei cluster frutta e spezie

Coppe Coniche Ancap: la purezza del design sposa la versatilità d’impiego