Scegliere il miglior olio per friggere non è poi così difficile, una volta scoperto quali aspetti vanno tenuti in considerazione.

Il mondo si divide tra gli estimatori del fritto, quelli che proprio non possono farne a meno, e coloro che invece lo evitano come la peste. Eppure il fritto, se consumato con moderazione e preparato alla giusta maniera, non fa poi così male. Non è un segreto infatti che contribuisce a un corretto funzionamento del fegato ma perché ciò sia possibile è importante scegliere il giusto olio per friggere. È da qui che parte tutto, quindi è molto importante sapere come sceglierlo e come utilizzarlo.

9 ricette autunnali per la tua tavola

Frittura in olio
Frittura in olio

Cos’è il punto di fumo

Prima di scoprire qual è il miglior olio per la frittura, dobbiamo fare chiarezza su alcuni aspetti. Uno di questi è il punto di fumo, ossia la temperatura oltre la quale le molecole cominciano a disgregarsi liberando acroleina, una sostanza nociva per il fegato e potenzialmente cancerogena per l’organismo.

Oli con un punto di fumo alto, reggono meglio le alte temperature e sono quindi perfetti per una frittura lunga e in olio profondo. Il punto di fumo di un olio però non è semplice da determinare perché, a parità di tipologia, entrano in gioco la qualità delle materie prime e la tipologia di lavorazione a cui sono sottoposti. In linea di principio ecco i punti di fumo degli oli (e di alcuni grassi):

  • Olio di semi di girasole: meno di 130°C
  • Olio di soia: 130°C
  • Olio di semi di mais: 160°C
  • Olio di cocco: 175°C
  • Olio di arachidi: 180°C
  • Olio extravergine di oliva: 210°C
  • Olio di palma raffinato: 240°C
  • Strutto: quasi 260°C

A determinare il punto di fumo dell’olio di semi per friggere e degli altri grassi è la percentuale di grassi presenti. I grassi però si dividono in due categorie: monoinsaturi e polinsaturi. Un elevato contenuto di grassi monoinsaturi rende l’olio più stabile, viceversa tenderà a disgregare le sue molecole molto più velocemente rilasciando sostanze potenzialmente tossiche.

Qual è il migliore olio per friggere?

Dati alla mano è facile stabilire quale olio è migliore per ottenere una frittura il più possibile sana: l’olio extravergine di oliva. L’olio di palma difatti, pur resistendo a temperature più elevate, contiene acido palmatico, nocivo per le arterie. È altresì vero però che dato l’elevato costo, difficilmente si tende a friggere con l’olio extravergine di oliva.

È meglio friggere con olio di oliva o con olio di semi? Da un punto di vista della qualità del fritto ottenuto sicuramente l’olio di oliva è da preferire. Tuttavia, il rapporto qualità prezzo dell’olio di semi è sicuramente superiore. In tutti i casi è sempre opportuno prestare attenzione alla temperatura dell’olio per friggere: misuratela sempre con un termometro apposito e assicuratevi di non superarla.

Noi vi sconsigliamo di utilizzare l’olio di girasole per friggere perché ha un punto di fumo davvero basso. Lo stesso dicasi per olio di soia e di semi di mais. Tenendo conto che solitamente la temperatura di frittura viaggia dai 170°C ai 190°C, qual è l’olio di semi più sano per friggere? Quello di arachidi, assolutamente.

Oggi in commercio si trovano anche l’olio per friggere ad alto oleico. Altro non è che olio di semi di girasole addizionato con acido oleico estratto dall’olio extravergine di oliva. In questo modo si mantiene basso il costo di produzione e si alza il punto di fumo. Dal punto di vista nutrizionale però rimane sempre un olio di semi.

Non esistono poi oli più adatti a una frittura o a un’altra. È inutile chiedersi quindi quale olio utilizzare per friggere il pesce o quale olio si usa per friggere le patatine: la risposta è sempre la stessa. Scegliete olio di arachidi o extravergine e andate sul sicuro sempre. Gli altri oli di semi possono essere utilizzati per fritture veloci non in olio profondo oppure per la preparazione dei dolci.

Ora che sapete come scegliere l’olio vi consigliamo di dare uno sguardo anche ai nostri consigli per friggere senza odori. Siamo certi che vi torneranno utili.

Riproduzione riservata © 2021 - PC

ultimo aggiornamento: 08-11-2021


Sashimi di salmone, a casa come al ristorante

Come usare le arance di Sicilia in cucina: idee e consigli utili