Sull’obbligo di indicare l’origine dei prodotti in etichetta si è lungamente dibattuto, ma ora le cose stanno per cambiare: scopriamo come!

Fino al 31 marzo 2020 era obbligatorio indicare in etichetta l’origine dei prodotti (ed in particolare l’origine della materia prima che costituisce il 50% del prodotto) per garantire al consumatore di acquisire tutte le informazioni sul prodotto finale.

A partire dal 1 aprile 2020, però, le cose cambiano: l’obbligo di indicare l’origine dell’ingrediente primario di un dato prodotto alimentare sussiste solo se questa differisce dal Paese di origine. Cerchiamo di capirne di più!

Origine dei prodotti in etichetta: cosa cambia?

Il nuovo regolamento è stato approvato da tutti gli Stati membri dell’Unione Europea, eccetto Lussemburgo e Germania che si sono astenuti, e si applicherà in tutti quei casi in cui il consumatore finale potrà confondersi sull’effettiva provenienza dell’alimento.

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

etichetta degli alimenti
etichetta degli alimenti

Tutti i prodotti che non siano riso, pasta, derivati del pomodoro (e in tutti i quei casi ci sia una dicitura o un simbolo che ricolleghi all’Italia), ma il 51% del prodotto stesso non sia di origine italiana, sarà obbligo del produttore darne opportuna indicazione in etichetta. Ecco cosa cambia rispetto alla normativa precedente:

– Le etichette delle confezioni di pasta secca dovranno indicare: il Paese di coltivazione del grano e dove è stato macinato. Qualora il grano duro fosse coltivato almeno per il 50% in un solo Paese come l’Italia, potrà essere presente l’indicazione “Italia e altri paesi UE e/o non Ue”.

– Per il riso dovranno essere indicati il paese di coltivazione, quello di lavorazione e quello di confezionamento. Anche in questo caso, se le fasi avvengono in più Paesi, si potranno indicare, a seconda della provenienza, diciture come “Paesi UE, Paesi NON UE e Paesi UE e NON UE”.

– Per quando riguarda le confezioni di salse, sughi e derivati del pomodoro prodotti in Italia, dovranno indicare il Paese di coltivazione del pomodoro e quello di trasformazione. Se tutte le fasi avvengono in Italia si potrà apporre l’indicazione “Origine del pomodoro: Italia”, in alternativa troveremo le diciture generiche “Paesi UE o NON UE” a seconda del caso specifico.

La risposta dell’Italia

Il Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Bellanova, insieme a Patuanelli, Ministro dello Sviluppo economico hanno risposto con una lettera inviata ai Commissari dell’Unione Europea. I Ministri, inoltre, hanno prorogato l’obbligo che prevede l’indicazione dell’origine del grano per la pasta, riso e pomodoro fino al 31 dicembre 2021.

Per garantire ai consumatori di fare una spesa sempre più consapevole le indicazioni dovranno comunque essere apposte in un punto evidente e non essere in nessun modo fraintendibili.

Spesa intelligente e fake news: scarica QUI la guida per difendersi ai tempi del coronavirus.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

consigli alimentari

ultimo aggiornamento: 01-04-2020


Preparazione a scottadito: cos’è e come si fa?

Avete mai sentito parlare della cascara? È un infuso… di bucce di caffè