Tipica della cucina laziale, la cottura a scottadito è caratteristica delle costolette di agnello. Ecco come ottenerla in modo perfetto.

Solo a sentir nominare lo scottadito il pensiero va alla cucina laziale e alla ben nota ricetta dell’agnello a scottadito. Ma in cosa consiste questa preparazione e a cosa deve il suo nome? Per scoprirlo facciamo un salto nella tradizione culinaria italiana e lasciamoci trascinare da una preparazione molto antica, quella della cottura a scottadito.

Scottadito di agnello: una ricetta tipica laziale

La preparazione a scottadito interessa soprattutto le costolette di agnello. Uno dei nomi con cui questa preparazione si è diffusa in Italia infatti è proprio abbacchio allo scottadito e si riferisce a un particolare metodo di cottura delle costolette.

Un tempo messe direttamente sulla brace dai pastori laziali, venivano consumate ancora incandescenti afferrandole appunto per l’osso e da qui il nome “scottadito“. Come tutte queste preparazioni le origini sono avvolte dal mistero ed è difficile distinguere tra realtà e fantasia.

Certo è che lo scottadito è una delle ricette di Pasqua per eccellenza della regione e, quando la stagione lo permette, vengono preparate direttamente sul barbecue e gustate ben calde.

Come cucinare allo scottadito

Per cucinare un ottimo agnello allo scottadito ci sono alcuni passaggi che dovete seguire. In primo luogo è importante tirare fuori dal frigorifero la carne almeno un’ora prima di cucinarla, così che sia a temperatura ambiente. In secondo luogo, se non potete cucinarla direttamente al barbecue, prediligete le bistecchiere in ghisa che hanno una miglior distribuzione del calore.

Asciugate poi per bene la carne con della carta da cucina e massaggiatela con un filo di olio prima di iniziare la cottura, assicurandovi che la piastra sia incandescente. Saranno sufficienti 2-3 minuti per lato per avere un’ottima cottura a scottadito.

Ora che questa preparazione non ha più segreti, non vi resta che mettervi ai fornelli!

Spesa intelligente e fake news: scarica QUI la guida per difendersi ai tempi del coronavirus.

Il ricettario d’autunno per piatti gustosi e profumati

TAG:
consigli alimentari

ultimo aggiornamento: 31-03-2020


Come usare tè e tisane nell’impasto dei dolci

Origine dei prodotti: da aprile non c’è più l’obbligo di indicarla in etichetta