Ingredienti:
• 320 g di pasta
• 300 g di salsiccia
• 250 ml di passata di pomodoro
• 150 ml di panna da cucina
• 1 bicchierino di brandy
• 1/2 cipolla
• peperoncino q.b.
• olio evo q.b.
• sale q.b.
• prezzemolo q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 5 min
cottura: 15 min

Prepariamo la pasta alla carcerata con la ricetta tipica romana, un primo piatto perfetto per gli amanti dei sapori forti.

Nonostante gli sforzi non siamo riusciti a risalire all’origine del nome della pasta alla carcerata. Questo primo piatto tipico della cucina romana infatti è avvolto dal mistero quindi possiamo solo supporre che venisse preparato da o per i carcerati. In effetti i sapori forti che lo caratterizzano non sono per niente adatti ai palati fini.

Salsiccia, brandy, ma soprattutto peperoncino fanno di questa pasta un primo piatto saporito, perfetto per le cene in famiglia. Come molte ricette di questo tipo il condimento si prepara nel tempo di cottura della pasta quindi vale la pena appuntarsi la ricetta: sicuramente vi tornerà utile.

10 ricette per tenersi in forma

pasta alla carcerata
pasta alla carcerata

Come preparare la ricetta della pasta alla carcerata romana

  1. Per prima cosa mettete a cuocere la pasta in abbondante acqua salata per il tempo indicato sulla confezione. Vi consigliamo di optare per un formato corto che raccolga bene il sugo.
  2. Dedicatevi quindi al sugo. Tritate la cipolla e rosolatela in padella con un filo di olio e un pizzico di sale. Private la salsiccia del budello e sbriciolatela con le mani, quindi unitela alla cipolla.
  3. Una volta che anche quest’ultima si sarà ben rosolata, sfumate con il brandy. Solo quando non sentirete più odore di alcool sollevarsi dalla padella unite la passata di pomodoro, il peperoncino. e la panna e lasciate cuocere per una decina di minuti.
  4. Scolate la pasta e saltatela in padella con il condimento, profumando il tutto con un poco di prezzemolo tritato fresco.

Se amate questo genere di primi piatti vi consigliamo di provare anche la pasta alla zozzona: quando si tratta di pasta la regione Lazio non è seconda a nessuno.

Conservazione

La pasta alla carcerata si conserva in frigorifero, ben coperta da pellicola, per 2-3 giorni. Potete riscaldarla sia in padella che al microonde.

5/5 (1 Review)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 28-08-2022


Marmellata di uva con il Bimby: una ricetta semplicemente imperdibile

Come si prepara la galantina, un prodotto tipico bolognese