Ingredienti:
• 300 g di farina di mais
• 200 g di farina 00
• 50 g di uvetta
• 50 g di canditi
• 10 fichi secchi
• 1 mela
• 200 g di zucchero
• 200 g di burro
• grappa q.b.
• semi di anice q.b.
• 1 bustina di lievito
difficoltà: media
persone: 8
preparazione: 20 min
cottura: 100 min

La pinsa della Befana, o pinza in dialetto, è un dolce dell’Epifania diffuso nel Nord-Est dell’Italia. Semplice e improntata al riciclo, la pinsa veneta è facile da fare a casa.

Difficile risalire alle origini di questo dolce millenario: la pinsa della befana esiste da che se ne ha memoria e nasce come dolce contadino. Solitamente consumato in occasione dell’Epifania, si prepara partendo da una sorta di polenta poi arricchita con uvetta, frutta secca e mele.

Oggi l’Epifania è semplicemente il giorno che “tutte le feste porta via” ma anni fa celebrava il solstizio d’inverno. Era un giorno molto importante poiché ci si lasciava alle spalle l’anno passato, bruciando simbolicamente vecchi mobili, e si iniziava quello nuovo con speranza e ottimismo. In occasione dell’Epifania, in alcune zone del Veneto e del Friuli, si è soliti organizzare un grande falò chiamato penevini: il pane è appunto la pinsa veneta e il vino è solitamente il fragolino, servito come vin brulé.

Vediamo insieme la ricetta della pinsa della Befana, un dolce dalla storia millenaria.

10 ricette per tenersi in forma

Pinsa veneta
Pinsa veneta

Come preparare la pinsa della Befana

  1. Come prima cosa preparate la polenta. Portate a bollore un litro di acqua con un cucchiaino di sale, quindi versate a pioggia la farina di mais, mescolando con una frusta prima, con un cucchiaio di legno poi. Cuocete mescolando di tanto in tanto per 40 minuti. Trasferitela poi in una ciotola e lasciatela intiepidire.
  2. Nel frattempo ammollate l’uvetta in poca acqua tiepida. Tagliate a cubetti la mela, dopo averla sbucciata, e a strisce i fichi secchi. 
  3. Quando la polenta si sarà intiepidita, unite la farina, la frutta (fresca e secca), i canditi, la grappa, i semi e il burro fuso.
  4. Versate l’impasto in una teglia rivestita di carta forno in modo da formare uno strato di massimo 3 cm. Cuocete il dolce della befana a 170°C per 1 ora.
  5. Sfornate e lasciate raffreddare completamente prima di servirlo.

Un’altro dolce tipico dell’Epifania? La ciambella dei re Magi.

Conservazione

Consigliamo di conservare questo dolce per massimo 2-3 giorni in un luogo fresco e asciutto. Sconsigliamo poi la congelazione in freezer.

4.5/5 (4 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 18-12-2021


Un dolce francese tipico dell’Epifania: la Galette des Rois

Come si fa il canarino per il mal di stomaco o per digerire dopo un’abbuffata?