Ingredienti:
• 320 g di riso
• 24 gamberi
• 1.5 l di acqua
• 1 sedano
• 1 carota
• 1 cipolla
• 1 spicchio di aglio
• 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
• 1/2 bicchiere di vino bianco
• olio evo q.b.
• sale q.b.
• pepe q.b.
difficoltà: media
persone: 4
preparazione: 30 min
cottura: 60 min

Il risotto ai gamberi è la ricetta giusta per le grandi occasioni. Prepararlo richiede qualche attenzione ma il risultato è a dir poco straordinario.

Tra i primi piatti di pesce, i risotti sono senza dubbio i più raffinati ed eleganti, perfetti anche per le occasioni più formali. Prendete per esempio il risotto ai gamberi: con pochi ingredienti avrete una ricetta strepitosa ma attenzione: già preparare un risotto richiede qualche attenzione, per un risotto di pesce ce ne vuole anche qualcuna in più.

I gamberi infatti non vanno cotti insieme al riso quindi non potranno dargli più di tanto sapore. Ecco quindi che entra in gioco il brodo di pesce, preparato con verdure e carapaci. Non saltate per nessun motivo questo passaggio o perderete buona parte del sapore dei risotto ai gamberetti.

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

risotto ai gamberi
risotto ai gamberi

Come preparare la ricetta del risotto ai gamberi

  1. Per prima cosa pulite i gamberi rimuovendo le zampette (che butterete), il carapace e la testa. In un tegame scaldate un filo di olio e rosolate per 5 minuti gli “scarti”. Spegnete e tenete da parte.
  2. In una pentola scaldate l’acqua, unite sedano, carota e cipolla puliti e tagliati a tocchetti e cuocete per 20 minuti. Unite i carapaci tostati e proseguite la cottura per altri 20 minuti. Filtrate poi il brodo con un colino, pressando bene per estrarre tutto il sapore, e tenete da parte.
  3. Mentre il brodo si cuoce, pulite i gamberi incidendo la gobba con un coltellino e rimuovendo delicatamente l’intestino. Vi consigliamo di aiutarvi con uno stuzzicadenti. Sciacquateli poi sotto acqua corrente e lasciate scolare in un colapasta.
  4. In una padella scaldate un filo di olio con lo spicchio di aglio e cuocete i gamberi per un minuto. Spegnete e trasferite su un piatto.
  5. Ora non resta che cuocere il riso. In un tegame scaldate un filo di olio e tostate il riso per 2 minuti. Sfumate con il vino bianco e quando non sentirete più odore di alcool sollevarsi iniziate la cottura vera a propria versando il brodo bollente tanto quanto ne serve per coprire a filo il riso. Il tempo di cottura varia a seconda del chicco dai 16 ai 18 minuti.
  6. Circa 2 minuti prima del termine della cottura unite i gamberi e regolate di sale e pepe. Spegnete e profumate il tutto con il prezzemolo tritato fresco.

Varianti facili della ricetta del risotto

Tra le varianti più semplici e saporite di questo piatto c’è il risotto al limone e gamberetti. In questo caso unite, al termine della cottura insieme al prezzemolo, la scorza grattugiata di mezzo limone biologico. Ottimo e più estivo invece è il risotto con gamberi e zucchine. In questo caso tagliate a dadini due zucchine e unitele subito dopo aver rosolato il riso. Procedete con la cottura come da ricetta.

Ultimo ma non meno gustoso, il risotto ai gamberi e zafferano. Semplicemente sciogliete una bustina di zafferano in un mestolo di brodo caldo e unitela al risotto. Sentirete che profumo, per non parlare del bellissimo colore! Inoltre, se questa ricetta vi è piaciuta, vi consigliamo di provare il risotto ai gamberetti.

Conservazione

Il risotto, a maggior ragione di pesce, andrebbe consumato al momento. Vi consigliamo di conservarlo al massimo un giorno in frigorifero e riscaldarlo in padella prima di consumarlo.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 03-08-2022


Chilaquiles, la ricetta messicana più amata al mondo

Risotto ai mirtilli selvatici mantecato al burro chiarificato, la ricetta alternativa