Laqua Countryside di Vico Equense è il nuovo ristorante dello chef Antonino Cannavacciulo: menù e prezzi del locale nato nel cuore della sua terra.

Lo chef Cannavacciuolo non si ferma proprio mai. Ad agosto 2021 ha infatti aperto forse il più sentito dei suoi resort con ristorante: stiamo parlando di Laqua Countryside. Antonino ci ha messo “anima e core” in questo progetto, così come la sua famiglia. Infatti il ristorante sorge nella frazione di Ticciano, situata nell’entroterra della penisola Sorrentina dove lo chef è nato e cresciuto.

Il menù non potrebbe essere più invitante… curiosi di scoprire i piatti e i prezzi del nuovo ristorante di Antonino Cannavacciuolo a Vico Equense?

Apertura di Laqua Countryside di Vico Equense

Un resort cresciuto con amore e voglia di ospitare e far vivere agli ospiti un’esperienza unica, questa è la mission dietro Laqua Countryside. Ad annunciare l’apertura è stato proprio chef Antonino in un post Instagram.

9 ricette autunnalli per la tua tavola

A seguire tutta la parte che riguarda la ristorazione è proprio Nicola, il compagno di vespa che si vede in foto con Antonino. Si tratta dello chef Nicola Somma, professionista di 32 anni di Gragnano che già era entrato nello staff di Cannavacciuolo lavorando al suo bistrot di Torino.

A Laqua di Ticciano ci sono anche i genitori di Cannavacciuolo, soprattutto il padre che si è impegnato con passione alla realizzazione del resort proprio come ha spiegato lo stesso chef: “Quando sono iniziati i lavori per il nuovo resort qui a Vico Equense mio papà era così entusiasta da presentarsi già alle 7 del mattino in cantiere, prontissimo a dare una mano a tutti […] È come se avesse di nuovo un obiettivo e da padre è semplicemente felice che, in un certo senso, io sia ritornato a casa“.

Menù e prezzi del ristorante di Antonino Cannavacciuolo

I piatti proposti non hanno nulla da invidiare alle prelibatezze degli altri locali di Cannavacciolo. Siete curiosi di scoprire prezzo e menù? Allora siete nel posto giusto.

Il primo menù degustazione proposto è “Ritorno alle origini” e i piatti, dai nomi stravaganti, fanno venire veglia di provarli tutti:

  • Benvenuto dello chef
  • Tonno, tonno, tonno
  • Ravioli di faraona, miso e zabaione di mozzarella
  • Anatra, albicocca, finferli, arancia e liquirizia
  • Nocciola Condivisa

Il prezzo è di 85 euro a persona.

C’è poi il menù degustazione “I sapori di un tempo diverso”, che comprende:

  • Benvenuto dello chef
  • Calamari, salsiccia di vitello e finocchietto alle erbe
  • Gnocchi, arachidi, polpo e pollo
  • Rombo, vaniglia, friggitelli e pil pil
  • Piccione, mango e mais
  • Fichi, Provolone del Monaco e Tartufo Nero

Il prezzo è di 100 euro a persona.

Non manca di certo il menù alla carta, con gli antipasti che si aggirano dai 27 ai 30 euro l’uno, i primi piatti sono più o meno sulla stessa cifra, i secondi di mare e di terra che vanno dai 35 euro a persona e infine i dolci che costano 20 euro l’uno.

Ora non resta che fantasticare, o provare almeno una volta le creazioni dello chef da 4 stelle Michelin, Antonino Cannavacciuolo.


Davvero siete certi di sapere come sbucciare la banana?

Misteri culinari: perché il pan di spagna si chiama così?