Vi presentiamo la rosa canina, un falso frutto che è perfetto per rafforzare le difese immunitarie e preparare infusi e tisane.

Condurre uno stile di vita sano è di fondamentale importanza per mantenersi in salute e permettere all’organismo di funzionare al meglio. A tale scopo, fare il pieno di vitamine potrebbe aiutare, soprattutto quando si va verso la stagione fredda, a combattere i primi sintomi influenzali. La rosa canina in questo potrebbe esservi di grande aiuto. Scopriamo insieme tutte le proprietà e i benefici di questo frutto selvatico.

Cos’è la rosa canina

La rosa canina viene spesso annoverata tra i frutti, ma in realtà non è proprio così. Il nome tecnico della parte idonea alla consumazione è cinorrodi ed è quanto rimane al termine della fioritura di questo bocciolo simile alla rosa. L’appellativo “canina” le è stato invece assegnato in tempi antichi per via della presenza, sui rami dell’arbusto, di spine che ricordano i denti di un cane.

10 ricette per tenersi in forma

Rosa canina
Rosa canina

Proprietà e benefici della rosa canina

A rendere la rosa canina così apprezzata come rimedio naturale è l’elevato contenuto di vitamina C, superiore del 50% rispetto a quella contenuta nelle arance. Abbiamo già visto, parlando degli integratori per rafforzare il sistema immunitario, quanto sia importante assumere questa vitamina per prevenire i malanni influenzali e per contrastarne i primi sintomi, ma le proprietà di questa bacca non finiscono qui.

La sua azione immunostimolante è particolarmente efficace soprattutto in giovane età per aiutare l’organismo in caso di asma e allergie. La presenza della vitamina B9 (acido folico) funge da antiossidante e rende la rosa canina utile per combattere i radicali liberi, responsabili di alcune forme tumorali.

La vitamina A, nota anche come vitamina della pelle, aiuta a mantenere l’elasticità dei tessuti e a favorire la guarigione delle lesioni. È anche utile per prevenire eventuali infezioni da virus o batteri.

Come utilizzare la rosa canina in cucina

La rosa canina può essere raccolta, ad autunno inoltrato e prima della prima gelata, direttamente dagli arbusti. Accertatevi che gli stessi non siano stati sottoposti a trattamenti chimici.

Una volta raccolte, le bacche vanno lavate sotto acqua corrente, tagliate a metà e private dei semi e della peluria interni che potrebbero avere effetto urticante.

Una volta pulite, le bacche di rosa canina possono essere consumate sotto forma di tisana. Insieme ad altri rimedi naturali, è ottima tisana contro la febbre o per favorire la concentrazione.

La marmellata di rosa canina è un modo goloso di conservare queste bacche che, in alternativa, possono essere essiccate e riposte in un vasetto di vetro scuro e utilizzate per preparare infusi e tisane molto salutari.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 29-12-2020


Leggere le etichette: cosa si nasconde dietro ai prodotti “senza”

Pasta di konjac: il paradiso per le diete ipocaloriche