Salsa di soia e tamari non sono la stessa cosa. Scopriamo quali sono le differenze tra queste due salse tipiche della cucina orientale.

Abbiamo imparato quasi tutti a conoscere e apprezzare la salsa di soia (shoyu) in abbinamento al sushi, ma spesso la confondiamo con la salsa tamari, simile per certi aspetti, ma diversa per altri, primi tra tutti gli ingredienti utilizzati. Andiamo a scoprirne di più e vediamo quali sono le principali differenze tra questi due deliziosi condimenti della cucina orientale. Cominciamo!

10 ricette per tenersi in forma

Salsa di soia
Fonte foto: https://pixabay.com/it/sushi-giapponese-bacchette-soia-689645/

Salsa di soia: cos’è

La salsa di soia, o meglio shoyu, si ottiene tramite un processo piuttosto lungo. Si parte da soia gialla cotta al vapore e grano tostato sottoposti a un processo di fermentazione tramite un batterio ricavato da un fungo filamentoso. In un secondo tempo viene aggiunto del sale e si prosegue la fermentazione che può durare fino a 10 mesi.

Si distingue, in base al periodo di fermentazione, tra salsa di soia chiara (fermentata per meno tempo) e salsa di soia scura (fermentata più a lungo). Il sapore in entrambi i casi è sapido, perfetto in abbinamento a sapori più tenui.

Tamari
Fonte foto: https://pixabay.com/it/salsa-salsa-di-soia-cucchiaio-2770300/

Salsa tamari: cos’è

La salsa tamari, a differenze della precedente, si produce unicamente con semi di soia gialla e sale. Non contiene grano e quindi è ideale anche per coloro che sono intolleranti al glutine. Il processo di fermentazione parte grazie a un lievito e può durare fino a tre anni. Solitamente si utilizzano contenitori di legno di cedro.

È molto più pregiata rispetto alla salsa di soia e quindi costa anche molto di più. Il vantaggio però, oltre ad essere gluten free, è che contiene molto meno sale. Questa caratteristica la rende perfetta per coloro che soffrono di ipertensione perché permette di dare sapidità ai piatti mantenendo con un basso contenuto di sodio.

Tirando quindi le somme, la salsa di soia, o meglio shoyu, contiene più sale, non è adatta agli intolleranti al glutine ed è più economica, oltre che perfetta in abbinamento al sushi. La tamari invece è più costosa, ma totalmente gluten free, a ridotto contenuto di sale e ricca di sostanze nutritive. Questo la rende uno dei condimenti preferiti della cucina macrobiotica.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/salsa-salsa-di-soia-cucchiaio-2770300/ ; https://pixabay.com/it/sushi-giapponese-bacchette-soia-689645/

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

consigli alimentari

ultimo aggiornamento: 15-01-2019


Arriva il Monsooned coffee indiano, il caffè che sa di mare come nell’antichità!

Tutto su Nebbia: il nuovo ristorante di Milano!